Monterotondo. Rotelli Metalli tenta la fuga

Mediagallery

Finalmente nel torneo di Monterotondo si è riusciti a pareggiare il conto delle gare disputate con i recupero che si sono svolti la settimana scorsa: grande performance del Caimano che riusciva a superare per 2-1 la capolista Rotelli Metalli, come pure ottima prestazione dell’USL in netta ripresa che infliggeva un perentorio 4-2 allo Stefanini Caffè.
Tra sabato 28 marzo e domenica 29 si è svolta la giornata per intero. Le prime formazioni a scendere in campo sono state quella del Continental e quella del Caimano. I ragazzi di mister Miniati hanno dimostrato da subito di voler fare sul serio per aggiudicarsi l’intera posta, anche sull’onda della vittoria ottenuta nel recupero infrasettimanale sulla prima in classifica, e difatti già al 7’ si portavano in vantaggio con la rete segnata da Dario Lischi che veniva bissata al 12’ da quella di Valerio Rosellini. Il team di Arnaldi non riusciva ad avere una reazione degna di questo nome perché si affidava solamente più ad iniziative personali che corali, le quali si infrangevano logicamente contro l’arcigna difesa del Caimano che così arrivava al riposo con il doppio vantaggio. La ripresa non cambiava copione, anzi lo svantaggio del Continental aumentava con il passare dei minuti e al 18’ andava in gol Matteo Giusti, mentre al 26’ calava il poker Daniele Stefanutti portando il risultato finale sul 4-0.
La seconda partita di sabato poneva di fronte la capolista Rotelli Metalli ed il Divo Demi, che sicuramente è in lotta per una delle prime piazze in classifica, e con questi presupposti ci si aspettava una gara “scoppiettante” ma, purtroppo così non è stato. I ragazzi di mister Del Corona hanno cercato sin dall’inizio di aggiudicarsi l’intera posta in palio e già al 2’ andavano in rete con il bravo Mario Chericoni; il Divo Demi di mister Conflitto cercava allora di riportare la gara sulla parità, ma la difesa del Rotelli Metalli concedeva loro molti pochi spazi di gioco. Nella ripresa la pressione del Rotelli Metalli aumentava ancora e, sempre al 2’ Alessio Franceschi aumentava il vantaggio; la reazione del Divo Demi, da quel momento, era sterile, confusionaria e scomposta, tant’è che al 12’ subiva la terza rete ancora ad opera di Mario Chericoni e, addirittura la quarta, al 15’ con Francesco Cervati. L’ultimo quarto di gioco non aveva più storia, se non da segnalare la rete della “bandiera” per il Divo Demi segnata proprio allo scadere (30’) da Stefano Mazzinghi che inchiodava il finale sul 4-1.
Scendevano in campo, per la chiusura del pomeriggio di sabato, le formazioni dei Portuali e quella dell’USL, promettendo, alla vigilia, reti e spettacolo. Una delle due promesse è stata sicuramente mantenuta: quella delle reti segnate, mentre l’altra ha avuto un solo protagonista. Subito dopo il fischio d’inizio ecco la rete (1’) di Davide Sainati per l’USL. Al 6’ il bravissimo Fabio Viterbo ristabilisce la parità in campo, rendendosi poi protagonista di uno show personale realizzando in tutto ben quattro reti al 15’ al 22’ e al 28’ portando così i suoi all’intervallo sul 4-1. La formazione dell’USL di mister Fraschi sembra frastornata da questo “tourbillon” di occasioni da rete degli avversari che colpivano ancora al 6’ e al 9’ con Stefano Ferri, intervallato però dalla rete di Emiliano Mazzoni, ma subivano ancora un altro gol segnato da Gennaro Mellino al 22’, per cui il finale di 7-2 a favore dei Portuali non faceva altro che confermare, in questo caso, lo strapotere del team dei Portuali.
La domenica mattina si apre con il confronto fra le formazioni dell’A.AM.P.S. e del Livorno 3000. La cronaca vede subito un bruciante avvio dell’Aamps con Mirco Ciricosta in rete già al 4’ imitato dal fratello Francesco al 6’ e al 7’ per un triplice vantaggio che però viene accorciato al 13’ da Cristiano Cecchi e ancora rosicchiato al 27’ grazie ad una sfortunata autorete di Alessandro Antonini. La ripresa vede il Livorno 3000 teso alla ricerca del pareggio, che però tarda ad arrivare, ma proprio quando le speranze stanno per svanire (29’) il sempreverde Massimo Marchetti riesce nell’impresa. Finita qui? Assolutamente no. Nei tre minuti di recupero accordati dall’arbitro riecco salire in cattedra la premiata ditta e al 30’ colpisce ancora Mirco Ciricosta e al 32’ il fratello Francesco che fissano il risultato finale su un roboante 5-3.
Chiusura della giornata festiva affidata alle squadre del Francesco Hair Trend e della Trans World Shipping; i punti di differenza in classifica fra le due formazioni, prima dell’inizio della gara, sono 20, e questo la dice lunga su quelli che dovrebbero essere i valori in campo. La partita in se stessa non ha grossi sussulti, se non al 10’ quando si concretizza il vantaggio del Francesco H.T. grazie alla rete siglata da Fabio Marzano e con questo risultato si va al riposo. Alla ripresa delle ostilità si nota che il Francesco H.T. cerca di controllare la gara abbassando i ritmi e speculando sul minimo vantaggio, senza grossi affanni, anzi, al 23’ riesce a raddoppiare con Michele Mazzantini; la Trans World però è squadra che non si arrende mai e lotta sempre fino al triplice fischio finale, e questa sua peculiarità viene premiata al 25’ grazie alla rete segnata da Marco Bartoli e poi, nel recupero, ottiene addirittura il pareggio al 31’ ad opera di Giampaolo Ghignola. Il finale di 2-2 forse sta un po’ stretto al Francesco H.T. ma indubbiamente premia la tenacia della Trans World.

Risultati
Caimano – Continenal 4-0
Rotelli Metalli – Divo Demi 4-1
Portuali – Asl 7-2
Aamps – Livorno 3000 5-3
Francesco HT – Trans World Shipping 2-2

CLASSIFICA
ROTELLI METALLI 29
FRANCESCO H.T. 25
CAIMANO 25
A.AM.P.S. 24
DIVO DEMI 21
PORTUALI 20
LIVORNO 3000 16
STEFANINI CAFFE’ 8*
CIRCOLO ASL 7
CONTINENTAL 5
TRANS WORLD SHIPPING 5
Hanno riposato: CAIMANO, STEFANINI CAFFE’
* Un punto di penalizzazione in classifica

Riproduzione riservata ©