Mercato, riscattato Gonnelli dal Pontedera. Siligardi e Nicola, difficile la conferma

Mediagallery

Nicola e il Livorno ancora insieme? Al momento le possibilità sono basse e ogni giorno che passa dà sempre più la conferma che il prossimo anno ci sarà un altro tecnico sulla panchina del Livorno. L’11 giugno è andato in scena un piccolo, ma significativo incontro tra l’allenatore e il presidente Spinelli. La fumata bianca non è arrivata, si è trattato solo di un “arrivederci”. Inutile girarci attorno: Nicola vuole un progetto serio per la pronta risalita in A e il patron, al momento, non vuole accontentarlo. All’allenatore le richieste non mancano di certo (Pescara e Cagliari in primis), ma prima vuole vederci chiaro con il Livorno. Lui ha ancora un anno di contratto, ma non ha nessuna intenzione di passare una stagione tribolata come l’ultima. Possibile quindi che si arrivi alla rescissione, ma prima deve andare in scena un ultimo incontro. Molto dipenderà anche da come andranno a finire le comproprietà e poi il mercato potrà prendere il via. Nicola vuole una squadra pressoché completa già per la partenza del ritiro per evitare quando fatto un anno fa.

Le alternative a Nicola – Al suo posto, in queste ore, da Brescia è rimbalzata la notizia di un possibile interessamento per Antonio Filippini. L’ex centrocampista amaranto ha guidato lo scorso anno gli allievi del Feralpisalò e sarebbe pronto a fare il grande salto su una panchina importante. Gli altri nomi che circolano sono Rastelli dell’Avellino e Alberti del Bari.

Coppa Italia – Intanto tramite la Lega è stato possibile scoprire la data del primo vero impegno del Livorno: il 17 agosto nel secondo turno di coppa Italia.

Il ritiro – La sede del ritiro scelta dalla squadra quest’anno è un paesino ligure, Castellaro, dove si trova un hotel attrezzato ad ospitare squadre di calcio.

Per quanto riguarda il mercato è stata fatta la prima mossa. Con il Pontedera è stato trovato l’accordo sulla comproprietà di Gonnelli. Il giovane difensore il prossimo anno vestirà nuovamente l’amaranto. Chi invece sembra salutare è Siligardi. Il trequartista non se la sente di tornare in B e vorrebbe un’altra chance della massima serie. Sul suo conto si è inserito prepotentemente il Sassuolo. Per Paulinho probabilmente si dovrà attendere la settimana prossima per la sua cessione. La sua strada sarà all’estero visto che in Italia nessuno si può permettere i dieci milioni cash che chiede Spinelli. Sul contro del brasiliano ci sono Olympiakos e West Ham. Chievo e Genoa strizzano l’occhio a Greco, i grifoni vorrebbero anche Ceccherini.

Riproduzione riservata ©