Bernini, un altro livornese nel gotha della dama mondiale

Mediagallery

Grande prestazione del damista livornese Matteo Bernini nel torneo, svoltosi a Roma, che ha visto partecipare i più grandi giocatori di tutti i continenti, con l’eccezione del Campione mondiale in carica, l’altro nostro concittadino Michele Borghetti. Infatti questo torneo doveva designare quello che sarà il suo sfidante nel match mondiale che si terrà l’anno prossimo, si spera ancora qui a Livorno. Matteo, che gioca a dama da neppure 6 anni, ha incontrato giocatori di grandissima esperienza, anche pluridecennale e che hanno vinto titoli mondiali quando lui ancora non sapeva cosa fosse questo gioco. Ebbene, Matteo è rimasto imbattuto negli 8 incontri che ha disputato ottenendo 3 vittorie e 5 pareggi. Con questo splendido risultato ha ottenuto il titolo onorifico di “Grande Maestro di dama inglese”, il più alto nella dama, quindi ambitissimo e appannaggio di pochi giocatori al mondo, se si escludono i Campioni iridati, che ne hanno diritto.

berniniEppure Matteo ha incontrato ben due campioni mondiali e altri 6 grandi giocatori.
Il torneo è stato vinto da un altro italiano, Sergio Scarpetta di Foggia, e sarà quindi quest’ultimo a sfidare Michele Borghetti l’anno prossimo. Un match tutto italiano a dama inglese, la più praticata nel mondo e con la più vecchia tradizione, Il primo campionato è stato disputato nel lontanissimo 1847 (quasi 170 anni fa) e la vittoria è sempre stata appannaggio di giocatori di lingua anglosassone (USA, Inghilterra, Scozia, Barbados, Galles) fino al 2013, quando Michele Borghetti ha interrotto una serie di loro vittorie che durava da 166 anni!
Michele si era dedicato alla dama inglese da soli 3 anni e vinse contro il russo naturalizzato americano Alex Moiseyev strappandogli il titolo che deteneva da ben 12 anni.
Con la grande prestazione di Matteo, possiamo ben dire di avere due concittadini fra i primissimi al mondo, ivi compreso il Campione in carica.

Riproduzione riservata ©