Secondo successo di fila per Jolly Acli

Mediagallery

di Gabriele Pritoni

Essevuteatro Jolly Acli – Castellani Pontedera  63 – 42  (17-10, 18-14, 13-8, 15-10)

Livorno: Costa 22, Paoli, Grasso 14, Carta Camilla, Menichincheri 7, Mori, Toti 1, D’Alessio 9, Carta Carlotta, Buccianti 10, Posarelli. All. De Leonardis

Pontedera: Cencetti 1, Del Pivo 12, Giari 7, Di Salvo 10, Orsini 8, Chiarugi 1, Rossi 3, Cignoni, Pretini, Daddi. All. Della Godenza G.

Seconda vittoria in fila per la Jolly Acli Essevuteatro, dopo quella in trasferta a Lucca, dall’abbandono della panchina da parte di coach Luca Mori. La mossa del tecnico, come lui stesso ci aveva detto in un’intervista, era mirata a scuotere la squadra e a mettere le giocatrici davanti a responsabilità cui si stavano sottraendo. Su questo punto Donatella De Leonardis, ex vice e ora allenatrice in carica, ci dice: “Luca è un carattere molto forte, ha una grande personalità e alcune giocatrici vi si nascondevano dietro. Da quando è andato via c’è stata una buona presa di coscienza, agli allenamenti c’è più voglia e ci sono meno incomprensioni. Io stessa mi trovo molto a mio agio e mi sento sostenuta da giocatrici e società: ciascuno sta dando il cento per cento”. La mossa di Mori, con cui i rapporti sono rimasti più che cordiali, si sta quindi dimostrando azzeccata anche se certo nessuno l’avrebbe voluta. “Abbiamo tentato di mediare in tutti i modi – dice ancora la De Leonardis – ma la decisione di Luca è stata irrevocabile. Credo fosse dispiaciuto, a livello personale, di non essere riuscito a tirare fuori il massimo dalla squadra e soprattutto si era reso conto di non poter dare più niente dopo la sconfitta di Ghezzano; rispetto la sua decisione ma ovviamente mi dispiace”.

Venendo alla partita con Pontedera, è ancora la coach che commenta: “Abbiamo iniziato subito forte trovando buoni canestri fin dal primo quarto; le avversarie non sono riuscite a reagire e il vantaggio accumulato si è andato via via ampliando”. La partita non è stata bellissima ma è stata giocata con sicurezza e autorità dalle giallo nere, che non hanno mollato neanche con il risultato praticamente acquisito e, di fatto, mai in discussione. Costa e Grasso hanno dominato in zona pitturata ma non sono mancati i contropiedi, che in genere sono il segnale della salute di una squadra e in particolare della difesa. Difesa che la De Leonardis ha schierato a uomo ottenendo una buona risposta nonostante le diverse settimane trascorse dall’ultima partita in cui era stata usata. “L’impronta tecnica resta quella data da Luca – conclude la coach – a tre giornate dalla fine non vale la pena di cambiare e poi non è da quel lato che abbiamo difettato in stagione; anzi, a vedere le ultime partite e la classifica dispiace di aver mancato i playoff per così poco, avremmo potuto farcela”.

In effetti la classifica parla di un’occasione mancata; le cause vanno ricercate sia negli atteggiamenti che hanno portato Mori a lasciare la panchina, sia nella sorte avversa che tra malattie e infortuni ha ridotto la rosa già risicata delle giallo nere. Cui non rimane che chiudere al meglio la stagione per impostare la prossima, che dovrà partire necessariamente con ambizioni importanti.

La classifica, con il turno di campionato che si deve ancora completare a causa di qualche rinvio, dice ancora Viareggio, Firenze, Lucca e Spezia, con la Jolly a un soffio ma quasi matematicamente fuori dai playoff a tre turni dalla fine (passano le prime tre).

PALL. FEMMINILE VIAREGGIO A.D. 30, A.DIL. FLORENCE BASKET 30, FISIO 2005 LE MURA 26, A.S.D. SOC CESTISTICA SPEZZINA 24, G.S. JOLLY ACLI BASKET A.S.D. 22, A.DIL. PALL.FEMM.COSTONE SIENA 20, GMV MEET A.S.D. 18, A.D.BASKET FEMMINILE PONTEDERA 16, POLISPORTIVA SIECI ASD 14, POL. DIL. A.GALLI BASKET 8, A.S.DIL. PALL. FEMM. PRATO 8, A.S.DIL. BK MASSA E COZZILE 6. Galli, Prato e Massa una partita in meno, Viareggio due partite in meno.

 

Riproduzione riservata ©