Libertas under 18 vincente contro Lucca

Mediagallery

Libertas – CMB Lucca 67-44
Libertas: 
Lorenzini 23, Tasca 4, Bernini 4, Papini 16, Pistolesi 10, Mangoni 6, Venni 2, Portas Vives 2, Morfini, Ferretti, Viacava, Coppola

Grande partita dell’Under 18. Il gruppo di coach Pistolesi porta a referto ben sei ragazzini classe 2001 e vince senza dannarsi troppo l’anima la sfida con la CMB Lucca. Gli ospiti partono bene tenendo il naso avanti grazie ad una zona davvero ben fatta ma i gialloblù rimangono in scia grazie alla buona verve di Lorenzini e Papini ed all’intervallo lungo è perfetta parità. Il terzo quarto è quello decisivo: Mangoni, al rientro da un infortunio e Pistolesi, impalpabile nei primi due tempini, danno man forte in attacco a Lorenzini e Papini ed arriva il break. Un parziale di quelli importanti (26-12) con il canestro sulla sirena del classe 2001 Venni a sancire la supremazia dei padroni di casa. Partita ormai indirizzata e quarto tempino che serve soltanto a definire il risultato finale. Neanche il tempo di gioire per il successo che la squadra di Pistolesi torna sul parquet; lunedì si recupera a Pontedera la prima giornata sul campo dell’altra nobile decaduta del girone. Anche in Valdera ci sarà spazio ai ragazzini del 2001, ma anche il recupero di Pantosti nell’occasione impegnato in prima squadra nella vittoria di Montale.

Libertas-San Miniato 59 – 52
Libertas: Giachetti 5, Viacava 10, Bernardini 11, Morfini 10, Venni 5, Minuti 2, Ferretti 6, Portas Vives 2, Fialdini 1, Fiore, Razzauti, Bellavista
Parziali: 17-15; 28-31; 49-40

Prestazione opaca della Under 15 guidata da Marco Pistolesi nella trasferta di San Miniato. Dopo tre mesi giocati a buon livello Morfini e compagni scivolano sulla classica buccia di banana. Grande equilibrio nei primo due quarti, poi la partita si decide dopo l’intervallo lungo grazie al parziale di San Miniato, complice qualche distrazione in fase difensiva e qualche scelta errata in attacco dei gialloblù. Dimostrazione evidente che il gruppo di coach Pistolesi, benchè omogeneo e compatto, può essere competitivo solo se mette sul parquet grande intensità, abnegazione, voglia di lottare, orgoglio e tanta applicazione difensiva. Diversamente è dura contro chiunque. Adesso il must è fare tesoro di questa sconfitta, tornare a lavorare duro per poi riscattarsi domenica prossima contro la corazzata corazzata Terranuova Bracciolini.

 

Riproduzione riservata ©