La Amnesty Don Bosco Livorno a Cento per chiudere in bellezza la stagione

Mediagallery

Una stagione lunga, lunghissima quella della formazione DNB della Pallacanestro Don Bosco Livorno targata Amnesty. Una regular season dettata da alti e bassi, condizionata dagli infortuni e spesso decisa da episodi che non sempre hanno portato fortuna ai ragazzi di coach Da Prato. Una stagione che stasera, sabato 12 aprile alle 21 volgerà al termine, almeno nella parte di calendario “regolare”. Dalla prossima settimana comincerà la così detta fase ad orologio che impegnerà tutte le formazioni del girone per altre 4 partite, con due turni infrasettimanali e i cui accoppiamenti si decideranno proprio in base alla prossima gara.

Ecco perché il match che vedrà impegnata la Amnesty Don Bosco Livorno contro Cento in questa 26esima ed ultima giornata di regular season assume un importanza capitale. E certo non sarà un compito facile per i labronici: la squadra di coach Giuliani è stata, dopo una partenza un po’ in sordina, una delle formazioni più continue del girone maturando un invidiabile record di 12 vittorie e 13 sconfitte, valido per un 7° posto (in coabitazione con Mortara) e quindi eleggibile per i playoff.

Gli emiliani sono reduci da 2 sconfitte, maturate rispettivamente contro Montecatini e Piacenza e che hanno pesato non poco nell’economia della regular season. Occhi puntati su Simone Di Trani, asso offensivo, capace di segnare 21 punti per allacciata di scarpe e autentico mattatore della gara di andata giocata sul parquet del PalaMacchia (vinta da Cento 76-72 con ben 27 punti del numero 10). E attenzione anche a Marcello Carretti, uomo d’area da 15 e punti e quasi 7 rimbalzi di media.

Insomma un’ altra sfida difficile, l’ennesima per la Amnesty Don Bosco Livorno. Difficile ma non impossibile specie se Mario Gigena ritroverà la consueta mano dopo lo stop offensivo vissuto contro Tortona domenica scorsa.

Riproduzione riservata ©