Don Bosco Livorno fra le grandi d’Italia

Mediagallery

CARISMI Don Bosco Livorno – Blu Orobica Bergamo 71-56 (12-26, 17-6, 19-15, 23-9)

CARISMI Don Bosco Livorno: Sollitto, Marchini 4, Lucarelli 10, Artioli 14, Benvenuti 13, Creati 1, Granchi, Orsini 3, Mazzantini 26, Gavazza, Ginacotti, Thiam.

Blu Orobica Bergamo: Milanovic 3, Lorenzetti 6, Savoldelli 11, Flaccadori 11, Spatti 14, Ferri, Donadoni 5, Perego, Nani, Silva 6, Turelli, Dessì.

La Carismi Don Bosco Livorno fra le grandi d’Italia: la vittoria contro la Blu Orobica Bergamo vale i quarti di finale. L’urlo liberatorio dei 12 guerrieri labronici ancora sembra rimbombare fra le mura del PalaBenedetti.
Un urlo lungo quanto una stagione che, dopo un primo quarto disastroso, sembrava doversi concludere in maniera infelice per la Carismi Don Bosco Livorno. Poi una scintilla, il talento di Jacopo lucarelli, che accende tutta la compagine fra cui Saverio Mazzantini assoluto protagonista della gara e affermatosi come uno dei migliori ’95 della Nazione. Il vantaggio di Bergamo, che tocca anche il più 19, si riduce lentamente, sprofondando sotto l’onda donboschina che travolge gli avversari con una difesa arcigna e con tanto, ma tanto cuore. E quindi la grande vittoria.
La tradizione del basket livornese torna così a ruggire ai livelli più alti della pallacanestro giovanile italiana. E lo fa con una squadra, giova ricordarlo, formata da ragazzi locali, con la sola e gradita eccezione del senegalese Thiam.
L’obiettivo di posizionarsi fra le prime 8 squadre italiane è quindi raggiunto. Adesso Livorno se la deve “solo” giocare. E l’avversario di domani (palla a due alle ore 20:00) è di quelli veri: Casalpusterlengo, dominatrice della Lombardia cestisctica e seria candidata al taglio della retina finale. Di una cosa siamo certi: Da Prato e i suoi non molleranno fino alla fine, perché i livornesi semplicemente non mollano mai.

 

Riproduzione riservata ©