Cfg battuta in casa

Mediagallery

CFG Livorno – Contadi Castaldi Montichiari 56-60  (16-19, 5-15, 19-8,16-18)

CFG Livorno: Persico 10, Granchi 12 (con 10 rimbalzi), Sollitto 2, Venucci 9, Lucarelli 2, Liberati 14, Orsini 3, Malfatti 4, Gigena, Thiam.  All. Quilici.

Contadi Castaldi Montichiari: De Ruvo 5, Cazzaniga 7, Perego 12, Caroli 8, Scanzi 14, Genovese 12, Pezzali, Cazzolato 2, Nyonse, Atienza.All. Cadeo.

La CFG Livorno parte male, poi lotta, recupera, ma alla fine esce sconfitta (nella foto in pagina di Andrea Trifiletti, Liberati).  Come contro Varese è stata questa la sceneggiatura del film andato in onda stasera con un finale avverso per i ragazzi di coach Quilici.
Eppure, nonostante la sconfitta, la grinta di Liberati e compagni mostrata sul parquet amico del PalaMacchia è più che lodevole. E questo è sufficiente alla CFG per essere ancora una volta felice dopo aver ricevuto un referto giallo.
E’ stato un match strano quello giocato stasera fra la CFG e la Contadi Castaldi, un match a due facce: entrambe le formazioni si sono presentate alla palla a due prive di alcune pedine chiave, da un lato l’assenza di 4 giocatori importantissimi per coach Cadeo (Marconato e Infanti su tutti) e dall’altro la defezione di Artioli (per lui un mese di stop) ed il riposo precauzionale di Mario Gigena che non ha mai messo piede in campo. Forse anche a causa di questo la CFG è partita malissimo con un difesa disattenta che ha permesso a Cazzaniga e compagni di prendere il largo fin dai primi minuti e accumulare un vantaggio che al termine dei primi 2 quarti recitava + 13 per i bianconeri.
Visti i primi venti minuti di gioco i tifosi livornesi avranno probabilmente pensato che la partita (e la qualificazione alla final four) fosse sfuggita dalla mani di Venucci e soci. E invece no.
Contro ogni aspettativa la CFG ritrova la sua aggressività difensiva il suo ritmo di gioco, insomma, la sua identità. Quella che le ha permesso di giocarsela sempre con tutti, anche con i migliori, categoria di cui Montichiari fa sicuramente parte.
Sul finire del terzo quarto una bomba allo scadere di Liberati segnala che la rimonta è ormai completa. L’ultima frazione è una scambio di colpi da un alto del campo all’altro. La Contadi Castaldi però approfitta della maggiore esperienza dei suoi e alla fine raggiunge un più 4. Ma tecnicamente non si può parlare di sconfitta per la CFG Livorno: mercoledì infatti sul parquet di Montichiari ci sarà il secondo atto della sfida dove si sommeranno i punti segnati stasera a Livorno e Montichiari partirà “solamente” da + 4. Qualificazione ancora tutta da decidere quindi. Se i labronici riusciranno a non concedere troppo nelle prime fasi, come accaduto stasera, allora Rimini sarà alla portata di questa formazione di giovani guerrieri.

 

Riproduzione riservata ©