Un gran galà del salto in alto per ricordare Drovandi

Mediagallery

di Gianni Picchi

Giovedì 18 settembre il camposcuola mette il vestito della festa per ricordare, non solo l’atletica, fiore all’occhiello della città labronica, ma anche, un uomo di sport, un maestro di vita: Vittoriano Drovandi. Unire il suo nome ad un evento sportivo, e di salto in alto, che verrà chiamato “Gran Gala”:  “Vittoriano non sarebbe stato d’accordo chiamarlo Memorial” come ha ricordato Fabio Canaccini, con il taglio del nastro, per inaugurare la nuova pista. Al “Renato Martelli” scenderanno, o saliranno, i migliori saltatori e saltatrici italiani, campioni come i Gemelli Ciotti, Alessandro Talotti (ex recordman nazionale indoor con 2,32m) Ferrante Grasselli (medaglia d’argento ai campionati assoluti di rovereto, P.B. 2,21m) Eugenio Rossi (Sanmarinese da 2,24m, che ha partecipato ai Campionati Europei di Zurigo), Desiree Rossit (vicecampionessa italiana con 1,88m) Erika Furlani (vicecampionessa mondiale allievi lo scorso anno a Donetsk).
Una novità, molto gradita dagli atleti, fino ad ora si conosceva solo all’estero. La musica durante l’esibizione sportiva. Saranno gli One Eat One, gruppo livornese di musica elettronica, a fare in modo di stimolare gli atleti a saltare più in alto. Al centro del camposcuola saranno allestite due pedane: in una si esibiranno i maschi, nell’altra le femmine con in mezzo alle due pedane, una tribuna, così il pubblico potrà assistere da vicino, e poter galvanizzare gli atleti.
Il presidente dell’Atletica Livorno, Marco Marsi, durante il suo intervento, ha tenuto ha precisare, che questo Gran Galà, sarà inserito nella programmazione, e diventerà un appuntamento fisso annuale. Nel programma sono state inserire gare riservate ai giovani, categoria ragazzi e cadetti, maschile e femminile. Alla conferenza era presente anche a moglie di Vittoriano, Luciana Cioni, a quale ha ricordato una frase, nel periodo che decisero di sposarsi: “Io l’atletica l’ho già sposata”. La manifestazione è organizzata dall’Atletica Livorno e dalla famiglia Aldovrandi.
Sarà un modo per rilanciare l’atletica a Livorno, aprendo varie finestre in campo nazionale. E sarebbe gradito che quel nastro sarebbe fosse tagliato dal sindaco Filippo Nogarin o dall’assessore allo sport Nicola Perullo. Al tavolo della conferenza erano presenti: Marco Marsi, Fabio Canaccini, Andrea Lemmi, atleta nazionale, che ha collaborato per l’organizzazione tecnica con Fabio Canaccini, allenatore, Bruno Gabbi e Luciano Della Bella.
Programma
Ore 15.45: gare giovanili
Ore 18.30: Gare assolute
Al termine sarà offerto un buffet per atleti , tecnici, e giudici. L’ingresso sarà gratuito.

Riproduzione riservata ©