Braccio di ferro, Tyrsenoi micidiali nel supermatch

Mediagallery

Il 14 marzo a Brescia si è svolto il supermatch di braccio di ferro, la gara più dura fatta in Italia, che prevede la partecipazione di molti atleti di altre nazioni e le categorie hanno un “taglio molto largo” quindi comprendono molti più atleti del solito. I Tyrsenoi dello Sport Combat club naturalmente hanno partecipato con una piccola delegazione capitanata da Michele Lazzerini (pluricampione italiano alcuni anni fa) che sostituiva il coach Daniele Sircana, assente per impegni personali, col quale collabora alla crescita tecnica della squadra. Silviu Gheorghita stupisce tutti aggiudicandosi il terzo gradino del podio nella difficilissima categoria 75kg senior destro ma ormai ci ha abituato a grandi imprese. Come se non bastasse, ha conseguito anche il diploma di arbitro regionale.
Un atleta in grande crescita nell’ultimo anno è Salvatore Pieraccini che arriva quarto nella difficilissima categoria senior oltre 95kg. Ha sostenuto incontri durissimi con atleti molto più pesi di lui aggiudicandosi molte vittorie.
Riccardo Pacioni, figlio di un altro grande campione e collaboratore tecnico della squadra Walter Pacioni ,si aggiudica con estrema facilità l’oro nella categoria esordienti 85kg destro e non contento nelle stessa categoria senior arriva sesto battendo uno tra i più forti professionisti italiani di quel peso Massimo Cesari. Bravi anche Walter Renda che a soli 70 Kg di peso si aggiudica il quinto nei 75Kg esordienti destro e Cristiano Fallai che con solo 4 mesi di esperienza ottiene il sesto posto a causa dell’inesperienza, anche lui in forte crescita. Prossima gara il centro-Italia a Gubbio il 28 marzo.

Riproduzione riservata ©