Triathlon: Livorno protagonista alla Coppa delle Regioni

Mediagallery

Lo scenario della Coppa delle Regioni è stato un’istantanea di puro confronto e sano agonismo incorniciata da un sincero spirito di divertimento. La manifestazione svolta nel sui percorsi di Campogalliano, in provincia di Modena, ha visto la brillante partecipazione della rappresentativa della Toscana per la categoria Junior (18-19 anni). La squadra era composta da tre elementi della Lucca Tr. asd (Alessia Pardi, Mario Fimiani e Rodolfo Fimiani) ed una ragazza della società pisana della Phisio Sport Lab (Vittoria Salvadori). Quella degli junior è una categoria particolarmente importante, visto che proietta direttamente i protagonisti nel triathlon ‘vero’: per mille motivi quello in terra emiliana è stato un test significativo. Sempre a Campogalliano, prove degna di merito per la squadra della Toscana della categoria youth (14-17 anni), formata da Marta Garzia (Phisio Sport Lab), Luca Borgianni (Freestyle Tr. Montecatini), Beatrice Pingitore (Phisio Sport Lab) e Stefano Biancalana (La Fenice Tr.). La novità di quest’anno è stata relativa alla categoria ragazzi (12-13 anni): a rappresentare la Toscana in terra emiliana, i giovanissimi Emma Porciatti (Nuoto Livorno Tr.), Samuele Froglia (Nuoto Livorno Tr.), Camilla Montani (Sport Insieme Grosseto) e Alessio Bellini (Nuoto Livorno Tr.): sono loro i ‘piccoli grandi talenti’ di questo appuntamento federale e soprattutto il futuro dello sport multidisciplinare. “Una bella prestazione – sottolinea Enzo Fasano, responsabile tecnico regionale – iniziata con una lunga attività di crescita con gli appuntamenti del ‘Triathlon Days 2014’ e continuata con la soddisfacente prestazione di tutti gli atleti. Ciò che è nato in questa manifestazione è la consapevolezza di un gruppo di giovani tutto toscano”. Il bilancio della spedizione regionale è stato decisamente positivo, come sottolinea il presidente del comitato toscano della Fitri Fancesco Laino. “Ciò che per noi è fondamentale – commenta Laino – è la volontà di creare le basi di un gruppo giovanile compatto, sincero e voglioso di far bene divertendosi. Questi ragazzi, al di là dei risultati ottenuti, ci hanno aiutato a sollevare un piedistallo fondamentale per il futuro del triathlon toscano. Sono molto soddisfatto dei nostri giovani – continua il presidente del comitato regionale toscano -; abbiamo una ventina di ragazzi di grandi qualità, che stanno crescendo bene. I risultati di Campogalliano dimostrano che il nostro comitato ha lavorato bene, puntando sui giovani. Cosa che continueremo a fare, tant’è che organizzeremo allenamenti condivisi in tutta la regione, per migliorare ancora, valorizzando i nostri giovani ma anche i nostri tecnici, che avranno l’occasione di rapportarsi non solo con piccoli gruppi ma anche con collettivi più ampi”.

Riproduzione riservata ©