Torre della Meloria, una cascata di successi

Mediagallery

L’ultimo weekend di agosto è stato ricco di soddisfazioni per i piloti e per i colori del Team Lanzi Macota – Moto Club Torre della Meloria.
La prima conferma è arrivata già sabato 30, a Fiorenzuola, alla gara di campionato toscano Minienduro, dove il giovanissimo Filippo “Pippo” Colarusso ha sbaragliato ancora una volta il campo centrando la sesta vittoria consecutiva e aggiudicandosi il titolo di campione toscano 2014 categoria esordienti con una gara di anticipo, dopo essersi già laureato campione italiano minienduro a metà luglio.
Grazie a questi risultati davvero eccezionali, Colarusso è stato anche convocato per partecipare al trofeo delle regioni di minienduro, a difendere la bandiera della Toscana.

Domenica ancora battaglia e grandi affermazioni, sia nell’Enduro che nel Motocross. Nella quinta prova del campionato italiano motocross disputatosi al Crosspark di Odolo, in provincia di Brescia, Fabio Occhiolini, alfiere del team labronico in sella alla sua potente Honda RedMoto 450 4T curata dall’Officina PMR di Siena, ha centrato una bellissima vittoria di giornata con un secondo posto in gara 1 e una vittoria netta in gara 2, agganciando così la seconda posizione in classifica generale che lo rende vice campione italiano (cat. Veteran).

Sullo stesso difficile crossodromo, nella categoria women, ha corso anche la giovane leonessa Floriana Parrini che, nonostante il condizionamento del forte dolore ad un ginocchio, a causa di un brutto infortunio, ha centrato due ottimi quarti posti che le hanno consentito di mantenere la seconda posizione in classifica generale, bissando quindi il titolo di vice campionessa italiana motocross, già raggiunto lo scorso anno. Nei paddock si muoveva faticosamente con tutore e stampelle, ma in sella alla sua Yamaha YZ 250 F 4T ha dimostrato coraggio e determinazione da vendere.

Buoni risultati ottenuti anche dai piloti impegnati nella quinta prova di campionato toscano enduro, sempre a Fiorenzuola, con un ottimo terzo posto di classe assoluta del campione toscano in carica Marco Casucci su KTM Alo’s 450 4T e la settima piazza per Mirko De Felice su Honda RedMoto 250 4T, sfortunato nelle prove in linea ma come sempre fortissimo nei Cross Test. Vittoria anche per Mirko Brezzi nella Cat. E1 2T Under 23, che con la sua KTM Alo’s 125cc 2T ha confermato ancora una volta la sua grande qualità. Grande prestazione di Fabio Brocchi subito primo nella Cat. E2M, davanti a tutti al rientro dopo un anno di stop a causa di un brutto infortunio. Mesto ritiro purtroppo per il forte pilota casentinese Andrea Sassoli, reduce da un delicato intervento alla mano, della quale non ha ancora recuperato la piena funzionalità, ritiro che lo fa scivolare in seconda posizione di Classifica Generale per la Cat. E3S.

Un grande ringraziamento da parte di tutto il team agli amici che supportano con generosità la stagione agonistica 2014: Lanzi prosciutti, Macota, Maglieria Francesca, KM 2006 lavorazione Pelli, Andrea Toci concessionaria Joannes, Labromare, Fulgida, Capaldi pneumatici, Maggi Massimo Hard Country, Borri, Tuttosicurezza, Dekor Toscana Cornici, LMC Meccanica, CGM 3esse, Inplaf, Alutec, Vitalchimica Italiana, Pizzeria Il Ventaglio, Paolo Matarazzo, Wigam oltre alla DID Ognibene, Elf, Pirelli, FM Racing, Honda RedMoto, KTM ALO’s Motorrad Livorno, che hanno fornito i loro migliori materiali, essenziali per preparare al meglio le moto e consentire ai Piloti del Team Labronico di cogliere questi importanti risultati.

Il prossimo importante appuntamento sarà la prima edizione del Red Bull Motocross Superchampions, evento che si svolgerà il 13 e 14 settembre al Crossodromo di Maggiora, dove ben quattro piloti della squadra livornese sono stati selezionati per rappresentare la Toscana: Fabio Occhiolini, Simone Lorenzoni, Matteo Toci e Nicola Matteucci. Potete seguire i risultati e gli aggiornamenti del Team e del Moto Club Torre della Meloria sia sul sito www.mctorredellameloria.it, sia su Facebook sulla pagina www.facebook.com/motoclub.torredellameloria.

Riproduzione riservata ©