Il Foro Italico si tinge di amaranto

Mediagallery

di Gianni Stampa

Livorno ha dato la sua pennellata di amaranto nella palestra monumentale del Foro Italico di Roma, l’8 febbraio , al 9° Concept2 Open Team Champion Ship. L’Asd Nautica Borgo sale sul podio con 1° ed un 2° posto. Nella gara 2000 metri staffetta 4×500, nella categoria misto uomo/donna, i 4 della cantina del presidente Paolo Cantini, con un tempo di 6:31,1, si sono laureati campioni d’italia, mentre al secondo posto l’Italiana Fitness con il tempo di 6:42,2. Sul gradino più basso del podio il team Cross Fit Tiburtina con il tempo di 6:47,1. I magnifici quattro sono: Jonatan Bulfon, Daniele Figaro, Jenny Guarnieri e Giulia Volpi.
Nella categoria uomini il Borgo per poco non eguaglia i colleghi del misto e si classifica al secondo posto, con un tempo di 6 minuti netti.
Questo il team bianconero: Alessio Zapparata, Lorenzo Mannucci, Gabriele Saccaro, Alessio Zago. Un applauso anche ai loro allenatori. Sergio Biagini, donne, Davide Panicucci e Riccardo Ughi per gli uomini, preparatore atletico Fabrizio Trinca. Il raggiungimento di questi importanti traguardi è dovuto, anche, all’Impresa Neri, che ha sponsorizzato i due team. L’altro team livornese presente al Foro Italico è quello composto da Mauro Martelli, Andrea Carbone, Augusto Zamboni e Francesco Alonzi, che hanno vinto il campionato italiano di idoor rowing, per la categoria pesi leggeri maschile, con un tempo di 6 minuti e 5 decimi. Il team ha gareggiato sotto l’egida di Sportlandia. Una vittoria, ed un tempo importante, basti pensare, che il team classificatosi secondo ha accusato un distacco di 94 metri. Mauro Martelli, con questa vittoria, ha ottenuto il suo 19° titolo tricolore, mentre sta già pensando di “toccare” il ventesimo titolo. Martelli è consapevole che, ogni anno, aumentano le difficoltà per il raggiungimento di certi risultati. Dobbiamo, però, riconoscere che queste distanze non sono mai state a lui ottimali (2000 metri a staffetta x 500 metri a testa) essendo un fondista, ed ogni anno la forza esplosiva viene meno.
Al termine della gara lo abbiamo raggiunto telefonicamente: “Quest’anno sto preparando due record mondiali, ambedue di fondo endurance, e non avevo spazio per preparare, nemmeno una settimana, di velocità. Alla fine però abbiamo fatto un buon tempo, per essere pesi leggeri. La cornice della palestra Monumentale del Foro Italico è sempre di stimolo per qualsiasi atleta; ma la contemporaneità di data, con i campionati inglesi, bellissimi, hanno fatto sì, che molti atleti di livello si siano riversati nello stato inglese, facendo venire meno l’importanza del titolo italiano vinto”.

Riproduzione riservata ©