Sara, la giovane promessa dello Sport Combat Club: “Guai a farmi arrabbiare”

Mediagallery

Nello spazio dedicato al karate della Wtka (World Traditional Karate Association) a cui la società Sport Combat Club di via Firenze, 128 a Livorno è affiliata, ecco l’intervista a Sara Rizzini. Nata a Livorno il 21 agosto 2003, cintura arancio, frequenta la quinta elementare a Nugola. “La spumeggiante” della Sport Combat Club è campionessa del mondo di Kumite nei giovanissimi cintura B-G-A.

Da quanto tempo hai iniziato il Karate?
“Sono tre anni che sono nella Sport Combat Club, e mi alleno tre volte la settimana e cerco di non mancare mai perché a me piace questo Sport”.

Cosa preferisci tra il Kata e il Kumite?
“A me piacciono entrambe le specialità, nel kata si imparano sempre nuove “forme”, e nel kumite mi piace combattere”.

Una bambina che piace combattere, cosa dicono i tuoi compagni di classe?
“Loro sanno perfettamente che non devono farmi arrabbiare, e se lo fanno scappano”.

Tra tutti gli sport come mai proprio il karate?
“Ho provato con la danza classica, la ginnastica artistica e la pallavolo, ma mi annoiavo, poi ho provato il karate e mi è subito piaciuto e non potrei fare a mano di venire in palestra”.

Come ti trovi con i tuoi compagni della Sport Combat Club più grandi?
“Sono simpaticissimi, ti aiutano sempre, ti insegnano nuove mosse e alle gare mi fanno sentire importante”.

Cosa ti aspetti per il futuro?
Punto tutto sulla cintura Verde.

L’intervista alla bellissima Sara è terminata, la liberiamo e corre dai suoi genitori che l’attendevano nella sala d’attesa dalla palestra di via Firenze 128. Nei prossimi giorni pubblicheremo l’intervista a Cristina Dogocher “la regina”.

 

Riproduzione riservata ©