Football. Etruschi show: derby e primato

Mediagallery

Se nella partita contro i White Tigers Massa, vinta per 6-32, avevamo parlato di “pioggia di punti” qui dobbiamo andare ben oltre ed arrivare a scrivere di una vera e propria “alluvione” di touchdown. Nel derby sul campo di San Pietro in Palazzi, i Trappers Cecina sono stati sconfitti con un roboante 0-63 per mano degli Etruschi Livorno, che salgono così a quota cinque vittorie e zero sconfitte nel girone D del campionato di football americano di Terza Divisione. Con questo trionfo nel derby, gli amaranto, archiviano il filotto di impegni ravvicinati in trasferta con un “triplete” che regala alla formazione di coach Antonio Mertoli la conferma matematica del primo posto nel raggruppamento e la possibilità di vivere due weekend di riposo senza l’amaro in bocca che sarebbe scaturito da una sconfitta. I labronici difatti torneranno in campo per chiudere gli impegni di regular season solo domenica 22 maggio, quando sul campo della “Polisportiva Banditella” arriveranno i validi White Tigers Massa, che ieri non hanno potuto completare la partita contro i Sirbons Cagliari per l’impossibilità di ristabilire l’ordine in campo dopo un parapiglia fra i due team.

Partita molto tesa nei primi drive, tanto che il quarto iniziale vede una sola segnatura all’attivo con Marco Magnanini che approfitta di un passaggio da 40 yards di Alessandro Campora per entrare in end zone. Prosetti converte il punto addizionale. 0-7. Il quarterback ospite si supera addirittura con un lancio da 59 yards per il secondo touchdown di giornata, stavolta a firma Giorgio Polidori. Il piede di Prosetti non trema. 0-14. Alessandro Campora decide poi di mettersi in proprio per la terza segnatura del match, mettendo i piedi in end zone con una corsa da 13 yards. 0-21 con il 3/3 di Prosetti al calcio. Il divario fra le due squadre si allarga ancora poco prima dell’intervallo: l’attacco di Cecina, magistralmente contenuto dalla difesa ospite, produce un fumble e Lorenzo Campora riporta l’ovale fino in fondo per lo 0-28 con il quale si chiude il primo tempo. La ripresa non lascia ai Trappers alcuna possibilità di rivalsa con Enrico Longarini che buca la difesa dei padroni di casa su corsa da 6 yards. 0-35. La situazione per i Trappers Cecina precipita nell’ultimo quarto, quando gli Etruschi, non paghi della vittoria, continuano a premere sull’acceleratore, aggiungendo altri 28 punti sullo scoreboard: Lorenzo Minervini alza la cresta su corsa (0-41); subito dopo è Marco Magnanini, stavolta su ricezione, a firmare il touchdown, secondo di giornata per lui, che vale lo 0-47; nel finale batte un colpo anche il wide receiver Jacopo Tamberi, che si sblocca con un TD su ricezione per lo 0-55 con conversione da due punti di Arcilesi; l’ultimo sigillo lo firma Luca Prosetti, che festeggia al meglio la vittoria del premio “Miglior Giocatore Week 9 Terza Divisione” con un intercetto riportato oltre la goal line, anche in questo caso il tentativo di doppio punto addizionale va a buon fine grazie alle mani del tight end, Massimo Palla. 0-63 e “triplete” fuori casa per gli Etruschi Livorno (5-0 in stagione). Da segnalare proprio sull’ultimo snap l’infortunio al ginocchio occorso al centro etrusco, Francesco Tamberi. In settimana farà degli accertamenti per capire l’entità del danno.

Queste le impressioni a caldo dell’head coach degli amaranto, Antonio Mertoli: “Con un punteggio del genere non trovo molte parole da aggiungere. Pioggia incessante che per fortuna non ha condizionato il nostro avvio. Le difficoltà di Massa non si sono vista nell’avvio di Cecina. Sono molto contento per come hanno giocato i ragazzi, Alessandro Campora sugli scudi con dei lanci fantastici ed un touchdown personale. Marco Magnanini ha messo a segno la sua prima doppietta ed Enrico Longarini ha assaporato per la prima volta la gioia di una segnatura pesante. Luca Prosetti e la difesa sono stati indomabili, assieme a lui c’era il nostro coach Lele Altobel. Allievo e maestro assieme in campo e questa immagine mi ha riportato in mente i ricordi di quando ero io ad indossare casco ed armatura insieme al nostro defensive coordinator. Non aver preso punti dimostra le nostre qualità quando non abbiamo la palla fra le mani. Per la prima volta i difensori hanno segnato due touchdown con Lorenzo Campora e The Beast. 14 punti in drive senza palla sono un ottimo aiuto per la fase offensiva, anche a livello psicologico. Il bilancio è pienamente positivo, visto anche il record di 5-0 (triplete in trasferta, ndr) ci avvicina al nostro obiettivo. Unica nota dolente di ieri è stata la partita fra White Tigers e Sirbons, sospesa a seguito di una rissa in campo degenerata sulla sideline. Un fatto che fa male al nostro sport ed ai principi che cerchiamo di inculcare. Spero che non succeda più. Tornando a noi aggiungo che abbiamo tre settimane per recuperare gli attacchi e potenziare i rookie come Vittorio Alaimo e Giacomo Marchi. Sfrutteremo questo momento per lavorare sulla tecnica e sulla tenuta atletica”.

Riproduzione riservata ©