Chiaverini torna con i piedi… per terra

Mediagallery

Brutta tegola per l’atleta labronico Davide Chiaverini. Dopo aver circumnavigato la Capraia a nuoto ad Agosto, ha subito un delicato intervento al tendine di Achille. La convalescenza è stata più lunga del dovuto. Il dottor Nencioni, che lo sta seguendo nella riabilitazione, ha da subito fatto capire che i tempi di recupero si dovranno allungare.
Per lui si parla di saltare l’europeo di nuoto a Londra nel 2016. “Non riesco neppure a battere i piedi in sincronia – le parole di Chiaverini – il problema della partenza dal blocco diventa una cosa irraggiungibile per i prossimi mesi. Per adesso entro in piscina solo per recuperare l’articolazione. Abbiamo già, con il mio preparatore sportivo Massimo Testi, buttato giù un programma di rientro. Dovendo saltare gli europei, potremmo andare direttamente alla prossima Maratona di New York a novembre 2016, passando, come nel 2011 attraverso un Ironman (il più probabile potrebbe essere Pescara). In questo modo posso trasformare la muscolatura da nuotatore in maratoneta”.
Nel frattempo Davide sarà impegnato con la lega Navale di Capraia e la federazione di Nuoto all’organizzazione di Around Capraia 2016. “Resta da vedere quanto tempo devo rimanere ancora fermo per poter delineare meglio gli obbiettivi. Di sicuro il mio intento sarà quello di organizzare di nuovo il gruppo Labronico di maratoneti per New York, da decidere è sempre anche l’associazione benefica che seguirà la spedizione newyorchese”.

Riproduzione riservata ©