Canottaggio. Sui Navicelli regna il Tomei

Mediagallery

Si sono conclusi a Pisa i campionati italiani di gran fondo 2015 di canottaggio, disputati sul Canale dei Navicelli sulla distanza dei 6000 metri. Alto il numero dei partecipanti: 938 atleti, 345 equipaggi e 71 società. Ancora una volta è emersa la importante vocazione sportiva dei canali che collegano Livorno e Pisa e la grande potenzialità presente in termini di turismo sportivo. Riteniamo che le amministrazioni interessate dovrebbero puntare sullo sviluppo del canottaggio nella nostra area integrando i Navicelli, dove è possibile svolgere attività di fondo, con uno sfruttamento delle potenzialità dello Scolmatore d’Arno, che per la sua ampiezza consentirebbe lo svolgimento di gare con più equipaggi, sulla distanza olimpica dei 2000 mt. Mentre aspettiamo che qualcuno raccolga la “sfida” e comprenda l’importanza dello sviluppo del canottaggio nella nostra area segnaliamo con soddisfazione i risultati ottenuti dagli equipaggi livornesi del G.S. Vigili del Fuoco Tomei.
A conferma delle recenti vittorie ottenute al Silver Skiff e a Trieste sul remergometro Gabriele Bacci, insieme ad Alessandro Bernardini, si sono aggiudicati il primo posto del Meeting Nazionale Cadetti nel doppio. Sempre in campo giovanile è da segnalare l’ottimo secondo posto nel doppio degli allievi C Maschile Nico Guidi e Diego Savatteri. Buoni risultati anche per 4 di coppia Master Maschile Claudio Cecconi – Walter Bollati – Michele Quercioli – Antonio Lagellotti 2° al Meeting Nazionale Master e del quattro senza Junior Maschile Andrea Cattermol – Edoardo Benini – Leonardo Bientinesi – Aldo Lunardi ottimo 3° posto nella gara valevole per il Campionato Italiano di fondo.
Anche il quattro senza Senior Maschile composto da Francesco Ferrini, Leonardo Romoli; Francesco Chirico; Andrea Traso si sono posizionati al 3° posto del podio del Campionato Italiano.
Per tutti gli altri equipaggi livornesi (totale 11 in gara) si è trattato di un buon impegno in attesa delle gare su distanze regolamentari (1.500 e 2.000 metri) che inizieranno dal 1 marzo.  Il sodalizio livornese ha dovuto soppor

 

Riproduzione riservata ©