Agl, un titolo tira l’altro. A Montevarchi le ragazze si laureano campionesse regionali

di rcampopiano

Mediagallery

Il palazzetto dello sport di Montevarchi ha fatto da cornice al campionato regionale di serie D di ginnastica artistica maschile e femminile. Presente come sempre anche l’Associazione Ginnastica Livornese che non ha perso l’occasione per potarsi a casa un altro titolo regionale, questa volta nella categoria allieve. Bene anche i ragazzi che conquistano un ottimo terzo posto se si considera che molti di loro si sono affacciati a questa disciplina solo da settembre. Ma andiamo con calma.

Come detto, nella categoria allieve è arrivato il titolo regionale grazie al 157,800 fatto registrare. Un risultato eccezionale visto che i secondi classificati hanno totalizzato 153,500. A portarsi a casa il prestigioso titolo sono state Emma Colombai, Chiara Niccolai, Martina Petralia, Emma Pozzi, Giorgia Taddeini e Veronica Tosi.
La seconda squadra dell’Agl si è piazzata al sesto posto. Un applauso quindi a Marta Amidei, Giorgia Cerretini, Aurora Di Salvo e Sofia Vita. 

10312384_10203805570002500_4221610143857072484_n

Nella categoria open, Rossella Rosito, Sveva Bracci, Stella Corozzi, Desirè D’Ambrosio e Alessia Magrini concludono al settimo posto su 24 squadre totali. Da sottolineare come questa categoria comprenda ragazze che vanno dai 12 anni in poi senza alcun limite. Le ragazze livornesi hanno tutte 12 anni quindi il loro piazzamento è da incorniciare perché avvenuto al cospetto di avversarie più grandi.
Questi risultati hanno fatto brillare gli occhi alle insegnanti Greta Caschili e Camilla Cipriani.

Per quanto riguarda la parte maschile, Simone Maranca, Matteo Pitzalis e Fabio Sarcina si mettono al collo la medaglia di bronzo con 141,400. Sicuramente si tratta di un buon risultato se si considera che il secondo posto era distante pochi punti (143,400) e che alcuni di questi ragazzi hanno cominciato a praticare questa disciplina, come detto, solo da settembre. Un plauso quindi agli insegnanti Sauro Annarelli e Galeotti Em.

Riproduzione riservata ©