Zelig Livorno. Parlano i due “discotecari”. Assegnati 10 biglietti omaggio

Mediagallery

Giovedi’ 27 marzo, dopo l’ennesimo pienone dello scorso appuntamento, torna al Teatro Cral Eni Zelig Livorno, il laboratorio con il meglio della nuova comicità toscana. Per l’occasione parliamo con due comici del laboratorio, già coppia fissa nel pezzo della “Discoteca”, Stefano Martinelli e Mattia Zoboli:

Qual è il segreto del successo del laboratorio Zelig di Livorno?

Stefano: Il segreto del successo del laboratorio Zelig di Livorno sta nell’amicizia che si è creata con tutti i comici. Siamo un bel gruppo, insieme ci divertiamo molto e credo che poi sul palco venga trasmessa la gioia del nostro stare bene insieme. Poi naturalmente il lavoro che l’autore, Marco Vicari, fa con noi, aiutandoci a creare monologhi e personaggi divertenti, e sopratutto portando sul palco sempre uno spettacolo nuovo.

Mattia: Penso che il successo del lab artistico di Livorno sia un mix tra la completezza dell insieme dei comici, una ricerca continua di novità e un’ attenta gestione della regia

Da quanto frequentate il gruppo di Zelig Livorno al Cral Eni?
S:
Per noi questo è il secondo anno di laboratorio Zelig. Tutti e due abbiamo fatto il provino nell’Ottobre 2012.
M: Confermo

Cosa vi ricordate del provino per entrare al laboratorio?
S: Del provino per entrare al laboratorio ricordo sopratutto che non feci una bella figura… Il personaggio che portai non era costruito bene, ma per fortuna Marco, l’autore, ci vide qualcosa di buono. Così fui arruolato!
M: tanta emozione e la sensazione del primo passo sul palco del Cral Eni

Quali sono i pezzi forti del vostro repertorio?

S: I due discotecari. Da quando li facciamo rimorchiamo abbestia! Eh.. ci piacerebbe. I nostri personaggi sono due sfigati che vanno in discoteca con l’intento di far conquiste, senza mai riuscirci. Personalmente non sono mai stato in una discoteca, ma a fare lo sfigato mi ci vedo bene.
M: sinceramente bisognerebbe chiederlo agli spettatori però spero che i nostri monologhi che sono in gran parte autobiografici migliorino volta per volta e diventino sempre più belli

Com’è nata la vostra collaborazione sul palco?
S:
L’idea è nata da Marco Vicari, ce l’ha proposta e a noi è piaciuta subito. Poi con Mattia mi ci trovo bene, anche se fisicamente siamo uno l’opposto dell’altro, siamo in sintonia e insieme ci divertiamo molto, sopratutto col guanto (questa la capiscono in pochi..)
M: da un idea del nostro autore che marco vicari che ha deciso di unire in un mix simpatico le nostre diversitá

Che tipo di comicità vi piace?
S:
Mi piace la comicità intelligente, quella in cui si ride grazie ad una bella battuta e non per qualche parolaccia di troppo.
M: Tutto ciò che mi provoca un sorriso dal raffinato Dario Fo alla comicità tipo Bud spencer Terence Hill

Meglio i personaggi o i monologhi?
S
:Personalmente preferisco i monologhi, forse perchè sono cresciuto guardando gli spettacoli di Benigni ed ho sempre ammirato il suo modo di fare comicità. Comunque non disdegno neanche i personaggi, quando sono ben cuciti addosso del comico che li interpreta.
M: forse i monologhi Anche se la collaborazione mi piace per la complicità e per il feeling che si instaura

Un momento emozionante della vostra carriera?
S:
Un momento emozionante è stato sicuramente quello di poter lavorare ad “Avanti un altro!”, il programma di Canale 5 condotto da Paolo Bonolis e Luca Laurenti, dove l’anno scorso interpretavo l’atleta totale italiano. E’ stato emozionante anche portare un mio monologo sul palco del Cral Eni. Il livello dei vari monologhisti è molto alto, li ammiro molto e poter provare un monologo insieme a loro è stato davvero soddisfacente ed emozionante.
M:Forse quando grazie alla buona stagione dell anno scorso ho avuto l’ occasione di calcare il palco dello Zelig di Milano

E il momento più imbarazzante della vostra carriera?
S:Ripensandoci un pezzo che una volta feci per il laboratorio. Spero che nessuno abbia il filmato perchè potrebbero tranquillamente usarlo per ricattarmi.
M: Mi ricordo di una serata in cui pensavo di avere un pezzo clamoroso e invece sono ritornato a casa con la coda tra le gambe rispetto alle mie aspettative

Tre buoni motivi per venire a vedervi giovedì 27 al Cral Eni?
S:
Uno. Lo spettacolo che mettiamo in piedi e sempre nuovo e divertente, i comici del laboratorio Zelig sono tutti molto bravi (a parte noi due..) e se non venite che lo facciamo a fare? Due. Il biglietto d’ingresso costa solo 5 euro, che di questi tempo con 5 euro si fa davvero poco, poi alcuni biglietti si possono addirittura vincere con i nostri mitici concorsi e ai più fortunati c’è pure la colazione al Très Jolie. Sfido chiunque a offrirvi di più! Tre. A fine serata io e Mattia Zoboli facciamo spettacoli privati alle signore di mezza età nel bagno del teatro. Solo questo vale il prezzo dell’intera serata.
M:1) Perchè il laboratorio è un successo di cui la città di Livorno può andare ben fiera città molto più grandi non hanno un laboratorio che funzioni bene come quello livornese ,2 perché vi giuro che ci impegnano tanto per offrire sempre qualcosa di divertente e nuovo e ogni sorriso e applauso del pubblico e quello che ci fa tornare a casa felice la sera 3dai tanto che volete fare di giovedì non c’è neanche più masterchef

 L’appuntamento è dunque per giovedi’ 27 marzo con “Zelig Livorno – ESSSEI!!! al Teatro Cral Eni” (Ingresso a 5 euro – Viale Ippolito Nievo 38 – Prenotazioni allo 0586 401308 da ritirare entro Martedi’ 25). I biglietti omaggio vinti con Quilivorno andranno ritirati presso la cassa del Cral Eni (Viale Ippolito Nievo 81) entro Martedi’ 25 Gennaio. Zelig Livorno è formato da Nico Pelosini, Katia Cianci, Valerio Delfino, Giacomo Terreni, Gli Ultimi della Fila, Stefano Santomauro, I Licantropi, Andrea Cappellini, Piero Torricelli, Mattia Zoboli, Stefano Martinelli, Simone Gambis, Pamela Nascetti, Daniele Magini, Silvia Lepri, Lucrezia Von Berger, I Progildan, Maurizio Ceccarino Borgogni, Claudio Marmugi, Michele Crestacci e la Disturbanda. Autore e Regista Marco Vicari

 

Riproduzione riservata ©