Via al Laboratorio di Fantasia Teatrale (Comico-musicale-vernacolare)

Mediagallery

Venerdì 2 ottobre alle ore 17,30 presso il circolo Arci La Rosa (ingresso da via Cuoco, lato Coop) ci sarà la presentazione dei corsi del nuovo laboratorio di FANTASIA TEATRALE Comico – Musicale – Vernacolare aperto a tutte le età con aperitivo di benvenuto.

Il laboratorio sarà suddiviso in diverse sezioni: Storia del varietà e dell’operetta tenuto da Franco Bocci, organizzatore ed esperto conoscitore di questo genere che affronterà la storia e la messa in scena di brani e arie da Operette e Commedie Musicali.Gestualità e linguaggio nel vernacolo, con la messa in scena di celebri scenette in vernacolo livornese tenuto dal comico Aldo Corsi.Palestra di creatività salmastra ovvero, come creare un monologo di cabaret ed interpretarlo tenuto da Fabio Max. Parodie, canzoni e stornelli popolari tenuto da Elisabetta Macchia e Elena Peebes.
La Palestra avrà il compito anche di avvicinare gli allievi al palcoscenico in maniera ludica e graduale superando le comprensibili “paure”.
I corsi si terranno ogni sabato da Ottobre a Maggio dalle ore 16,00 alle 18,00 per concludere con la messa in scena di un saggio a fine corso . Per chi è interessato al laboratorio rivolgersi alla segreteria del Circolo Arci La Rosa ( Ingresso da Via dell’Ardenza) dal lunedì al venerdì con orario 16,00 -19,00 oppure chiamando 0586 800152. Iscrizione euro 20,00, costo mensile dei corsi euro20,00.

Tutti potranno finalmente  affrontare il magico mondo del palcoscenico divertendosi , vi aspettiamo.

Programma dei corsi

Storia del varietà e dell’operetta

Franco Bocci terrà degli incontri spiegando l’origine del teatro leggero di Varietà (il Cafè Concerto, la canzone e la macchietta napoletana, l’Operetta, l’avanspettacolo, le grandi riviste, la commedia musicale italiana di Garinei e Giovannini, il musical americano)

Verranno scelte delle semplici arie e/o duetti da operette o commedie musicali da interpretare con l’ausilio della pianista Stefania Casu.

Gestualità e linguaggio nel vernacolo livornese

Aldo Corsi terrà dei corsi sulla gestualità della maschera del teatro vernacolare livornese,  come interpretare una scenetta comica, l’uso della voce nel vernacolo e le cadenze.

Insieme a Annarosa Bechelli spiegheranno anche l’interpretazione delle scenette comiche televisive degli anni sessanta.

Verranno scelte semplici scenette comiche da interpretare in vernacolo livornese.

Palestra di creatività salmastra

Fabio Max terrà degli incontri di come creare un monologo di cabaret ed interpretarlo, improvvisazione di un testo o di un personaggio.

Verranno scelti o creati piccoli monologhi da interpretare.

Parodie, canzoni e stornelli popolari

Elisabetta Macchia e Elena Peebes terranno degli incontri spiegando come cantare e interpretare uno stornello o una parodia musicale accompagnandosi con la chitarra.

Verranno scelti alcuni stornelli o canti popolari toscani da cantare

 

 

 

Riproduzione riservata ©