Venerdì al Grattacielo “Il sogno di Ipazia”

Mediagallery

Venerdì 11 marzo alle 21.15 torna sul palco del Centro Artistico Il Grattacielo di via del Platano “Il sogno di Ipazia”, dopo l’incredibile successo ottenuto nelle scorse stagioni e la curiosità che ha suscitato a tutti i livelli, trasformando lo spettacolo in un piccolo “caso” nel panorama nazionale. L’autore del testo, Massimo Vincenzi, giornalista del quotidiano La Repubblica, ha già scritto per il teatro lo spettacolo “Bird è vivo”, e i monologhi “Gli occhi al cielo”, “La Regina senza corona”, “Alan Turing e la mela avvelenata”, “Ulisse e le sirene”,” Don Parker e Sancho Panza”, tutti diretti da Carlo Emilio Lerici, figlio del drammaturgo Roberto Lerici, che in questa occasione ha affidato la sua pluriennale esperienza al linguaggio forte ed espressivo del teatro narrato. In scena la strepitosa Francesca Bianco, da oltre trent’anni protagonista sulle scene italiane, la cui interpretazione di Ipazia ha suscitato un consenso e un plauso unanime. Fuori campo, ad interpretare il pensiero politico dell’autorità religiosa, la voce di Stefano Molinari, apprezzato attore, conosciutissimo per le sue partecipazioni in numerose fiction tv. Le musiche, che costituiscono un parte fondamentale dello spettacolo, sono state create da Francesco Verdinelli, le videografie sono create da Giulia Amato. Lo spettacolo ripercorre la storia di Ipazia (Alessandria d’Egitto circa 370 – 415 d.c.), matematica, filosofa ed astronoma pagana, donna-simbolo per generazioni di donne, amatissima dal pensiero femminista non solo per essere stata una delle migliori eredi del platonismo, scienziata di argute invenzioni, ma soprattutto per aver incarnato libertà e autonomia di pensiero in forme che potremmo dire sorprendentemente “moderne”! Proprio per questo fu perseguitata e uccisa dai Cristiani e per questo è diventata una figura simbolo nella cultura umanista e libertaria di tutti i tempi, da Voltaire in poi, protagonista di studi, riflessioni, opere d’arte, film.. Biglietto intero 12 euro, ridotto 10 euro. Per info e prenotazioni: 0586.89.00.93 o 329.27.312.07.

Riproduzione riservata ©