Veglia per Pasolini a 40 anni dalla morte

Domenica 1 novembre (dalle ore 21.30) sotto il loggiato del teatro Goldoni lettura pubblica di brani dalle opere dello scrittore, ideata dalla drammaturga e regista Barbara Idda

Mediagallery

“Io so” è il titolo dell’evento che la Fondazione Teatro Goldoni presenterà domenica 1 novembre (dalle ore 21.30) sotto il loggiato del teatro. In occasione del quarantesimo anniversario della morte di Pier Paolo Pasolini  – ucciso nella notte tra il 1 e il 2 Novembre 1975 all’Idroscalo di Ostia – si svolgerà una lettura pubblica di brani dalle opere dello scrittore, ideata dalla drammaturga e regista Barbara Idda, che ne cura  anche l’allestimento, in collaborazione con la giornalista e autrice Sandra Mazzinghi. Scrittore, poeta, regista, pittore, firma di spicco del ‘Corriere della sera’ per cui scrisse l’articolo del 14 novembre 1974 che dà il titolo all’evento livornese, l’omicidio Pasolini è uno dei troppi delitti italiani rimasti irrisolti e impuniti.
La presenza alla veglia funebre laica, in veste di semplici lettori, del sindaco e dell’assessore alle culture del Comune di Livorno, Filippo Nogarin e Serafino Fasulo, e quella di Loris Rispoli, presidente dell’associazione ‘140’, che riunisce i familiari delle vittime della Moby Prince, testimoniano la sensibilità civica della città e dei suoi rappresentanti e la volontà di non dimenticare. La lettura è aperta a tutti, si invita pertanto chi voglia parteciparvi attivamente a portare con sé il brano che intende leggere.

Info: 392-38.09.509

Riproduzione riservata ©