Torna “Operetta che passione”

Mediagallery

Domenica 5 ottobre alle ore 16,30 presso l’Auditorium del museo provinciale di storia Naturale di Villa Henderson ( Via Roma 234 – Livorno) riprende il ciclo “Operetta che Passione” rassegna organizzata dal Circolo Musicale Amici dell’Opera Galliano Masini e condotta da Franco Bocci che presenterà l’operetta Il Paese dei Campanelli di Carlo Lombardo e Virgilio Ranzato del 1923 . Franco Bocci illustrerà l’operetta nella celebre edizione del Teatro Valli di Reggio Emilia diretta da Corrado Abbati.

Questa la trama dell’operetta- Il Paese dei Campanelli  è ambientato in un’immaginaria isola olandese . Questo nome è dovuto dal fatto che su ogni casa c’è un piccolo campanello. La leggenda narra che se una moglie tradisce il marito, il campanello della casa in questione suonerà e tutti verranno a sapere quello che è successo. Anche se nessuno li ha mai sentiti suonare, gli abitanti non hanno il coraggio di dimostrare il contrario.

Tutto, nel paese dei campanelli, resta tranquillo fino all’arrivo di una nave militare inglese, costretta all’attracco nel porto dell’isola da un incendio sviluppatosi a bordo. Gli ufficiali scendono a terra e… accade l’inevitabile! Hans, il comandante, fa suonare il campanello con Nela, Tom lo fa suonare con BonBon e La Gaffe, per un imperdonabile errore, con Pomerania, la donna più brutta del paese. La Gaffe purtroppo combina un’altra gaffe  arrivano sull’isola le mogli degli ufficiali e, senza colpa, rifanno suonare i campanelli con mariti di Nela, BonBon, Elena e Pomerania. La leggenda narra che se un giorno ogni cento anni i campanelli resteranno muti, non suoneranno mai più. Quel giorno cade proprio durante la sosta degli ufficiali.
Tutti sono avvertiti, nessuno vuole trasgredire, ma c’è La Gaffe che, suo malgrado, riesce a rovinare tutto. Gli ufficiali ripartono con le mogli e sull’isola per altri cento anni esisterà ancora l’incubo dei campanelli. Ma sarà poi un male!
L’operetta questo genere di spettacolo nato in Francia verso la metà del 1800, che fonde prosa, musica, comicità e danza vi darà gioia e serenità. L’Appuntamento è ad ingresso libero presso l’auditorium del Museo di Villa Henderson fino ad esaurimento posti. Sarà presente anche l’attrice caratterista Viviana Larice una delle più grandi interpreti dell’operetta italiana.

Per informazioni 339 7768203 oppure 0586 899043

 

Riproduzione riservata ©