Teatro dell’assurdo al Cral Eni

Mediagallery

Fine settimana all’insegna di due atti unici dell’ASSURDO,che Spazio Teatro presenterà al Cral Eni il 16 gennaio alle 21 ,15 e domenica 17 gennaio ore 17,15 per la regia dei Simona Del Cittadino.
Il teatro “dell’assurdo”,come lo chiamò Martin Esslin, è la denominazione di un particolare tipo di opere scritte da alcuni drammaturghi, soprattutto europei, sul finire degli anni ’50 e’60,le cui caratteristiche peculiari sono l’abbandono di un costrutto drammaturgico razionale e il rifiuto del linguaggio logico-consequenziale. La struttura tradizionale (la trama, gli eventi,la concatenazione e il loro scioglimento) viene quindi rigettata e sostituita da un’alogica successione di fatti, legati fra loro da una labile ed effimera traccia,a volte uno stato d’animo o un’emozione, apparentemente senza alcun significato che spesso si caratterizza per dialoghi senza senso, ripetitivi e serrati, capaci di suscitare a volte il sorriso ,nonostante il senso tragico del dramma che stanno vivendo i personaggi.
I questa “due giorni” Spazio Teatro presenta due classici di questo genere teatrale”, Mutatis mutandis “ di David Campton “ e “Delirio a due “ di Eugene Ionesco,considerato con Samuel Beckett il padre dell’ “assurdo”.
Nel “Mutatis mutandis”,un lavoro godibilissimo rappresentato pochissimo in Italia, in un ipotetico “day after” ,strani accadimenti avvengono in una clinica ostetrica e fra razzi che volani,tramonti verdi,pulviscolo radioattivo qualcosa sta per accadere,anzi…per mutare….!
Nella seconda pièce più nota al pubblico, la coppia,arrivata ormai allo sfinimento e alla saturazione del rapporto a due,inizia una battaglia verbale spietatamente violenta e distruttrice dove la solitudine e l’isolamento dell’individuo appaiono in tutta la loro tragicità!
Saranno in scena Gaia Bastianon,Marco Cioni e Ilaria Biancalani,scene di Emidio Bosco,Musiche di Carlo Bosco.
Prenotazioni da giovedì 14 gennaio dalle 17 alle 19 presso il botteghino del Cral Eni o telefonando al numero 339-34.22.139.

Riproduzione riservata ©