Simbolismo della rosa e del loto

Mediagallery

Giovedì 24 aprile alle ore 21,15 presso la sede dell’Associazione Archeosofica di Livorno in Scali delle Cantine, 44 si svolgerà un incontro sul “Simbolismo della Rosa e del Loto”. Il simbolismo dei fiori è noto e utilizzato sin da epoche antichissime: in Egitto il fiore di Loto era definito “la Sposa del Nilo” ed era dedicato alla dea Iside. In Cina e in India, il fiore di Loto e quello della Rosa erano utilizzati per l’ornamento simbolico dei Templi. In Grecia fu creato il mito della Ninfea Bianca. Numerosi in tutto il mondo sono i significati connessi alla natura, al colore e al profumo che emana dai fiori. Questi furono utilizzati in passato, con profonda sapienza, per scopi spirituali al fine di influenzare la coscienza dell’uomo e della donna verso stati interiori superiori. In Giappone i Samurai avevano la conoscenza e la capacità di assorbire dai fiori la gravità necessaria per le decisioni importanti. Ancora oggi questa via speciale è nota come “la Via dei Fiori” un cammino spirituale che conduce alla perfezione della coscienza e di partecipazione a Dio. Ai Samurai del lontano oriente fanno riscontro i Templari, guerrieri e sacerdoti, della tradizione occidentale cristiana. Oggi questa via speciale è conosciuta dagli Archeosofi, che utilizzano la scienza del simbolismo floreale, per calcare nuovamente il sentiero segreto della trasmutazione spirituale della coscienza con l’ausilio della forza modellatrice dei fiori.

L’ingresso è libero e gratuito.

Per informazioni:
366 4509788
[email protected]
livornoarcheosofia.wordpress.com

 

Riproduzione riservata ©