Santomauro incassa tre “sì” al talent dei comici. Video

Mediagallery

“È un vero e proprio Sanremo della comicità, una singolar tenzone della risata, una sfida a forza di battute, tra satira sociale e di costume”. Gabriele Cirilli presenta così Eccezionale Veramente. Riduttivo però definirlo solo un talent. “È un contest, una gara tra comici. Ne abbiamo visti quasi 1000 in tutta Italia e selezionati 160”.
E tra i 160 selezionati, giovedì 21 aprile in prima serata su La7, nella sesta puntata, si è esibito anche Stefano Santomauro, attore livornese, che sta riscuotendo interesse oltre che nel teatro anche nella Tv. Clicca qui per vedere la performance di Santomauro

IMG_6255“Per me questa è la prima esperienza televisiva: i famosi tre minuti davanti alla telecamera, tre minuti che, per chi conosce la mia comicità, sa che mi stanno stretti – spiega il talento di casa nostra-  Ho dovuto lavorare e modificare alcune dinamiche, ma sono molto soddisfatto. I giudici hanno apprezzato il monologo su Groupon portando a casa i famosi tre “sì” della giuria. Tre “sì” che hanno il peso di quanto i genitori dovevano dirti se potevi andare a dormire fuori in tenda per una notte a 16 anni. Diego Abatantuono ha addirittura elogiato tecnica e ritmo, e detto da un professionista come lui, non m fa che piacere. Paolo Ruffini, che non sapeva della mia partecipazione fino a quando non ha letto i concorrenti ad inizio registrazione, è stato molto carino e l’ho sentito quasi come un fratello maggiore che dice al più piccolo dove e cosa fare per il tuo meglio! E’ una fortuna poter confrontarsi con attori ed autori del genere.”
IMG_6254“Sono contento di aver portato un po’ della mia città in Tv – continua Santomauro – conoscere altri comici da tutta Italia e poter crescere grazie a questo tipo di esperienza che, anche se non sembra, ti forma sotto tantissimi punti di vista. Poi capisci quanto, e come, Livorno è percepita da altre parti d’Italia: il Vernacoliere, la guerra con i pisani, il Cacciucco, il 5e5 (un comico di Treviso ha detto la cecìna quella che fanno a Pisa, gli ho staccato il microfono quando stava a lui), il Ponce, il mare e la sensazione che questa città sia un piccolo gioiello nascosto.”

 

 

Riproduzione riservata ©