Ruffini: “Era un complimento”

Mediagallery

“E’ sempre una topa meravigliosa”. Gaffe (guarda qui il video) del comico livornese Paolo Ruffini che nella veste di presentatore, rivolgendosi a Sofia Loren, nel corso della cerimonia dei David di Donatello ha usato una espressione un po’ troppo sopra le righe per annunciare l’arrivo sul palco della attrice italiana. Ruffini è stato ripreso prima da Marco Bellocchio e poi bonariamente da Paolo Virzì per l’uso eccessivo della cadenza livornese. Il capitale umano di Paolo Virzì ha vinto come miglior film, La grande bellezza di Paolo Sorrentino ha conquistato 9 statuette, tra cui quelle per il miglior regista e il miglior attore (Toni Servillo).

La replica di Ruffini alle polemiche – “Perché dovrei pentirmi, topa è un complimento eccezionale. Non credo sia una cosa deprecabile. E’ come dire una bella ragazza”. Lo ha detto l’attore e conduttore Paolo Ruffini a ‘La Zanzara’ su Radio 24 dopo le polemiche suscitate da alcune sue battute durante la consegna dei David di Donatello cinematografici. In particolare il ‘complimento’ si riferiva a Sophia Loren. “Ma quale gaffe – ha continuato Ruffini – quando fai le congratulazioni anziché le condoglianze a un funerale è una gaffe! Poi, l’avesse detto la Littizzetto, la topa, non avrebbero detto nulla. C’è bisogno sempre di lamentarsi, ma a me non importa nulla, ho ritwittato tutti gli insulti. Sono meravigliosi”.
“Se la Rai ha scelto me – ha detto ancora Ruffini – rispetto a tanti altri conduttori, devono accettare me, non so come dire. In casa hanno Daniele Piombi e la Pivetti, conduttori più istituzionali”.

Riproduzione riservata ©