Ricercatori europei in città per studiare l’ozono

Mediagallery

Saranno una trentina i ricercatori scientifici e partner europei che si riuniranno a Livorno giovedì 4 febbraio, ospiti della Flyby srl, per mettere a punto nuove soluzioni di monitoraggio dello strato di ozono nei diversi livelli dell’atmosfera, utili per il monitoraggio dell’inquinamento in aree urbane e consentire lo sviluppo di applicazioni innovative a limitare i danni derivati anche dalla radiazione solare ultravioletta (UV), tra i fattori di rischio più importanti per la salute.

Dopo una prima giornata già impegnata in un tavolo di lavori a Firenze, dove ieri è stato presentato ufficialmente presso l‘Auditorium di Santa Apollonia a Firenze, organizzato dalla Regione Toscana e dal CNR-IFAC nell’ambito della rete Nereus, il meeting europeo “AURORA” (Advanced Ultraviolet Radiation and Ozone Retrieval for Applications) arriva a Livorno. Il progetto, coordinato dall’istituto di Fisica Applicata del CNR proprio sul tema del monitoraggio satellitare di ozono e radiazione ultravioletta.

Il progetto AURORA, approvato nell’ambito del programma Horizon 2020 della Commissione Europea, è a guida italiana ed è nato dalla collaborazione del reparto R&D di Flyby con il CNR-IFAC di Firenze, ha trovato grande consenso da parte dei maggiori  partner europei attivi nella ricerca spaziale, per tenere monitorato il profilo dello strato di ozono, che nell’atmosfera trattiene ed assorbe parte delle radiazioni provenienti dal sole, regolando la quantità di radiazione UV che raggiunge il suolo.

La location scelta da Flyby per il meeting europeo sarà l’Hotel Universal, sul viale di Antignano, a pochi  passi  dalla sede  di Flyby, dove  gli ospiti  europei  si sposteranno  nel

pomeriggio per una visita al laboratorio di misure ambientali e dati meteorologici, ubicato insieme ai sistemi di ricezione dei dati satellitari presso il Centro Commerciale di Marilia.

L’azienda livornese è quindi una delle maggiori attrici nello sviluppo di AURORA: oltre ad essere la responsabile della piattaforma tecnologica su cui si sviluppa l’intero progetto (raccogliere ed elaborare dati provenienti da diversi satelliti di osservazione della Terra),  ne è protagonista con HappySun, l’innovativo sistema integrato di fotoprotezione solare.

HappySun, con download gratuito per iOS e Android, è un sistema in grado di consigliare il fattore protettivo più adeguato, in base al proprio fototipo ed alla radiazione UV del momento e del luogo d’esposizione. L’unico sistema satellitare che permette di tenere  sotto controllo in modo continuo la radiazione UV che raggiunge la propria pelle.

Lanciato nel Luglio 2015, HappySun, grazie al progetto AURORA migliorerà ulteriormente le sue prestazioni per garantire un’esposizione al sole ancora più corretta e sicura.

Flyby s.r.l. è una azienda privata indipendente nata nel 2001 a Livorno, con una spiccata vocazione alla ricerca applicata, in particolare nel campo della fisica ottica, per offrire soluzioni commerciali innovative principalmente basate sull’utilizzo di sistemi ottici.

Nasce intorno ad un nucleo di professionisti specializzati in diverse discipline tecniche e scientifiche quali fisica, informatica, ingegneria dei sistemi e delle telecomunicazioni.

Il notevole livello di intersezione tra le competenze di ognuno e la comune passione nell’accogliere le sfide tecnologiche, rendono Flyby un punto di riferimento per quei soggetti pubblici e privati che necessitano di soluzioni fortemente innovative.

Attraverso la passione per la ricerca applicata che dà vita all’azienda, Flyby mette a punto soluzioni innovative che contribuiscono a colmare il gap spesso esistente tra le attività scientifiche svolte da centri di ricerca di eccellenza e le esigenze emergenti a livello industriale ed istituzionale.

Riproduzione riservata ©