Proyecto Infancia, unendo i confini

Mediagallery

Venerdi 12 dicembre alle ore 21.30 il Nuovo Teatro delle Commedie di Livorno presenta un progetto di fotografia di respiro internazionale: Proyecto Infancia – Unendo Confini.  La serata prevede un’esposizione che riunisce una selezione delle fotografie scattate dai bambini partecipanti al Proyecto Infancia dal primo workshop a Valparaiso (Cile) nel 2006 fino all’ultimo, ancora in corso d’opera, a Livorno, una mostra dal tema “Identità”, la proiezione del documentario “India Today” e a seguire il concerto della “Percussion lab and friends” diretto da Simone Padovani.
Proyecto Infancia è un progetto nato nel 2006 dall’associazione culturale spagnola Espacioidea. Sostenuta da un gruppo di fotografi indipendenti, questa iniziativa ha proposto e propone corsi di fotografia  gratuiti in tutto il mondo a bambini dai 6 ai 16 anni di età. Dall’America latina (Chile,Perù, Messico, Colombia,  Brasile, Bolivia) all’ Africa (Algeria), passando per l’Asia (India, Nepal, Cambogia) e approdando in Europa,  Proyecto Infancia fa avvicinare i più piccoli ad una forma di realizzazione artistica, la fotografia.
Il suo  obiettivo è di formarli e sensibilizzarli, rendendoli coscienti dello spazio in cui vivono e alimentandone l’immaginazione e le loro capacità creative. Questo progetto mette al servizio dei bambini uno strumento
espressivo, permettendo loro di comunicare attraverso le immagini; promuove fin dall’infanzia il contatto interculturale e il rispetto delle diversità diffondendo pratiche artistiche come opportunità educative e di lavoro. Infine attraverso l’organizzazione di una esposizione rivolta alla comunità, incoraggia l’articolarsi di  un’identità individuale e collettiva, rafforzando i processi partecipativi. Proyecto Infancia così si rivolge anche ad un pubblico adulto, mostrando come i bambini vedono la propria realtà, come ci collocano in essa e quali sono i loro interessi.
Un’ esperienza che due dei fotografi indipendenti Enrico Gambaccini e Martino Chiti, con Sara Profeti e Linda Lombardo, collaboratrici del progetto in India, Nepal, Bolivia e Kosovo, hanno deciso di raccontare e riproporre in un una nuova formula una volta tornati nella propria città. Una retrospettiva sul progetto internazionale proposta da due dei suoi collaboratori che per caso provengono dalla stessa città: una multietnica Livorno. E’ proprio a Livorno che dal 14 novembre al 5 dicembre è in corso un laboratorio di  fotografia per 14 bambini al doposcuola gestito dal Centro di Quartiere “El Chico Malo”.
Per realizzare l’esposizione al nuovo teatro delle Commedie e il laboratorio, è in corso una campagna di raccolta fondi sul sito “produzioni dal basso” che si chiuderà il 30 novembre.   Durante la serata saranno presentati due progetti collaterali nati dall’esperienza con Proyecto Infacia. Il primo è il documentario “India Today” di Martino Chiti e Linda Lombardo, realizzato durante i laboratori in tre  diverse città (Delhi, Varanasi, Daharamsala), che mostra uno spaccato sull’India di oggi con tutte le sue contraddizioni economiche, culturali, religiose e sociali. L’altro, è un’esposizione di Enrico Gambaccini dal titolo “Identità”, scaturita dalla sua prima collaborazione con “Proyecto Infancia” in Bolivia. Al termine del corso con i bambini boliviani, un particolare evento ha innescato la riflessione sulla relazione tra identità e identificazione, tema che si rivela nelle otto stampe in mostra.
La serata sarà animata da “percussion lab and friends” di Simone Padovani, percussionista e batterista  livornese. Collaboratore del sassofonista Dimitri Grechi Espinoza, entra a far parte del Dinamitri Jazz Folklore. Nel 2007 fa parte dell’organico della Cosmic Band diretto dal trombonista Gianluca Petrella. Dal 2002 collabora col cantautore livornese Bobo Rondelli e col gruppo Ottavo padiglione.  L’evento del Proyecto Infancya sarà realizzato grazie al contributo di Nobili pubblicità e dei donatori di  www.produzionidalbasso.com/project/proyecto-infancia-unendo-i-confini/
Di seguito il link al video promo http://vimeo.com/106469131#at=0

Riproduzione riservata ©