I partigiani delle “Grotte dei Banditi” in un video

Mediagallery

Sei partigiani, sei memorie storiche, sei volti che hanno visto e combattuto per la liberazione. Un tempo poco più di ragazzini con un ideale di amore e libertà tanto grande da riempirgli il petto e una camicia verde che si confondeva con la macchia, oggi nonni, saggi novantenni o poco più, pronti a raccontare l’ideale per cui hanno combattuto. Quest’anno, in occasione del settantesimo anniversario della festa nazionale del 25 aprile il Centro Politico 1921 ha voluto ricercare, incontrare e intervistare sei storici partigiani livornesi, quelli delle Grotte dei Banditi, che combattevano sulle colline del Castellaccio. Si tratta di Roberto Perez, Alberto Vannini, Giuseppe Fusario, Mario Ristori, Giuliano Ciaponi, Pieluigi Falca che hanno dato l’ok per mettersi davanti a una telecamera e rispondere alle domande dei film maker del Centro Politico 1921. Ne è uscito fuori un bellissimo documentario, un’appassionata storia fatta di aneddoti e racconti dei giorni che furono e di come viene visto il presente e il futuro con i loro occhi. Il filmato è stato proiettato sabato scorso al centro di via dei Mulini proprio in vista della grande festa che si terrà al Castellaccio all’ex campo da calcio in via della Porcigliana subito dopo la sede della guardia forestale. Perché proprio lì? Perché da lì partono le camminate partigiane per arrivare alle “Grotte dei Banditi” dove era il distaccamento dei partigiani del Castellaccio, una camminata di circa tre ora tra andare e tornare. Chi volesse guardare e ascoltare le interviste lo può fare cliccando sulla pagina facebook Livorno Festa al Castellaccio a questo link https://www.facebook.com/pages/25-aprile-2015-a-Livorno-Festa-al-Castellaccio-nei-luoghi-partigiani/1588446051398766?fref=ts

 

Riproduzione riservata ©