Parata di auto storiche

L'evento "Valle Benedetta e la sua Pieve" andrà in scena domenica 3 aprile dalle 8,30. Alla Rotonda le partenze delle prova di abilità

Mediagallery

Non c’è due senza tre diceva un vecchio proverbio. Continua anche quest’anno, infatti, con il patrocinio del Comune di Livorno, la sinergia tra i Topolino Club di Livorno e Firenze che hanno supportato gli organizzatori ed il parroco della parrocchia abbaziale della Valle Benedetta Don Cristian Leonardelli per mettere in piedi il terzo incontro di auto storiche “Valle Benedetta e la sua Pieve”. L’evento andrà in scena, come negli anni precedenti, alla Rotonda di Ardenza nella mattina di domenica 3 aprile, dove i partecipanti si incontreranno a partire dalle 8.30 fino a circa le 9.30 mettendo in bella mostra le loro stupende vetture d’epoca di rara bellezza.
Chiunque passi da quelle parti potrà ammirare vetture del tipo di Citroen C4 del 1932, Fiat Balilla del 1936, Fiat 500C degli anni ’40, Citroen Traction Avant del 1950, Fiat 500 Belvedere del 1953, NSU Prinz 30 del 1960, Bizzarrini GT Europa 1.9 del 1968, Lancia Fulvia del 1974, la piccola A112 del 1975 e le Rosse di Maranello nelle versioni Mondial e 348. E ancora l’Alfa Romeo 1900 SSC Touring, raro esemplare con parti di carrozzeria in alluminio, e l’elegante tedesca Mercedes 190 SL del 1956. E tante tante altre.
Alle 9.30 i partecipanti inizieranno la prova di abilità e precisione sui pressostati intercettandoli nei tempi stabiliti dall’organizzazione cercando di raccogliere meno penalità possibili. Terminata la prova di abilità i partecipanti lasceranno la Rotonda di Ardenza ed inizieranno il giro turistico che li porterà a percorrere strade come il Romito, famoso per il celebre film “Il Sorpasso”. Dal Castel Sonnino inizieranno la salita fino alla sommità del Castellaccio dove, intorno alle 10, in zona della Curva intitolata all’Asso dell’automobilismo mondiale Tazio Nuvolari “Nivola”, affronteranno la seconda e insidiosa prova di abilità sui pressostati che l’organizzazione a reso più complicata disegnando il tracciato su fondo misto, asfalto e sterrato.
Dopo un breve raggruppamento, proseguirà il giro turistico che porterà i partecipanti ad affrontare la discesa da Castellaccio fino ad Ardenza Terra per deviare, nei pressi della Chiesa dell’Apparizione, verso la Via di Popogna e raggiungere la strada della Malavolta per poi dirigersi verso la Valle Benedetta dove finirà la manifestazione. Ad attenderli all’arrivo, a fare gli onori di casa, ci sarà il Parroco Don Cristian, il quale darà loro il benvenuto e celebrerà una Santa Messa straordinaria “dell’Autostorico”, con Benedizione delle auto e di tutti i partecipanti a ricordo della manifestazione. La giornata si concluderà con il pranzo presso la Trattoria Camporeggi alla fine del quale sarà effettuata la premiazione degli equipaggi vincitori delle prove di abilità.

Riproduzione riservata ©