Paolo Migone al museo di via Roma, raccolti 1000 euro

Mediagallery

Domenica 12 gennaio 2014, alle ore 17.00, al Museo di Storia Naturale di Via Roma, sara’ possibile assistere al bellissimo e divertentissimo spettacolo raccolta fondi con Paolo Migone, brillante e valente comico di fama nazionale, che ha offerto gratuitamente la sua collaborazione per sostenere l’acquisto di strumenti musicali per la creazione di una orchestra infantile nelle scuole nelle scuole primarie del Circolo B.Brin.
“Ci piace come Associazione di quartiere Vivi San Jacopo e come Circoscrizione, sostenere questo bellissimo progetto delle nostre scuole, che potra’ garantire lo sviluppo musicale e la crescita culturale dei bambini ma anche del quartiere stesso. Abbiamo gia’ molte adesioni da parte del mondo scolastico ma allarghiamo volentieri anche ai cittadini la possibilita’ di passare un bel pomeriggio divertendoci insieme a questo valentissimo comico, e di contribuire direttamente alla realizzazione di questo bel “sogno” , grazie ad una offerta a fine spettacolo. Cogliamo l’occasione per preannunciarvi anche l’ultima iniziativa del cartellone per martedi 21 gennaio 2014, ORCHESTRA DAY. Possibilita’ di cenare insieme nei ristoranti/ pizzerie del quartiere San Jacopo , che doneranno 5 euro per ogni pasto al circolo didattico B.Brin, proprio per garantire l’acquisto di strumenti . E’ una altra occasione che viene offerta per conoscerci un po’ di piu’ e sentirci parte attiva di un cosi bel progetto scolastico. Chiaramente queste iniziative sono aperte a tutti i cittadini livornesi e non, indipendentemente dalla residenza, e che condividono l’entusiasmo di iniziare a contribuire concretamente per vivere in un mondo migliore, grazie alla solidarieta’ di tutti. Ci potete seguire e conoscere gli aggiornamenti tramite Facebook alla pagina Vivi San Jacopo , un quartiere che vuole ricreare lo spirito di una comunita’ solidale per vivere meglio migliorando la propria qualita’ di vita, con la messa in rete delle potenzialita’ individuali, associative, delle istituzioni e delle molte risorse strutturali presenti”.

 

Riproduzione riservata ©