La Notte dei Musei a casa Modì

Sabato 17 maggio alle ore 21 apertura straordinaria della casa natale di Amedeo Modigliani in via Roma, 38. Per info e prenotazioni 320.8887044. Visita guidata costo 5,00 euro.

Mediagallery

Sabato 17 Maggio ritorna l’appuntamento con “La Notte Europea dei Musei”, un’iniziativa a cui aderisce anche la casa natale di Amedeo Modigliani, un modo per trascorrere una piacevole serata tra arte, storia e tradizioni.
Sarà possibile ripercorrere un itinerario biografico del granSabato 17 Maggio ritorna l’appuntamento con “La Notte Europea dei Musei”, un’iniziativa a cui aderisce anche la casa natale di Amedeo Modigliani, un modo per trascorrere una piacevole serata tra arte, storia e tradizioni.
Sarà possibile ripercorrere un itinerario biografico del grande pittore livornese, attraverso una serie di fotografie e documenti tratti dagli Archivi Legali di Modigliani e che riguardano tutta la sua esistenza a partire dalla sua nascita il 12 luglio 1884 in questa casa di via Roma. Ci riportano a quella data le belle foto d’epoca di Amedeo bambino con gli amici della scuola di francese fondata dalla madre Eugenia Garsin. I suoi primi esperimenti grafici nello studio del pittore Guglielmo Micheli e la frequentazione col grande maestro Giovanni Fattori.
La casa ospita una galleria di immagini; sono le immagini degli amici, da Max Jacob a Paul Alexander, dei suoi mecenati, delle sue amanti, della giovane compagna Jeanne Hebuterne nella sua dolce e sensuale bellezza, sono coloro che lo hanno accompagnato nella sua bruciante vita e carriera parigina, fino al tragico epilogo.
Un salone della casa ospita invece una serie di opere originali di grandi artisti contemporanei che hanno reso omaggio all’artista di Livorno con un’opera che lo ricorda nello spirito, nelle forme o nello stile: opere di Rotella, Guttuso, Tilson, Madiai, Ceccobelli, Baj, Marchegiani, Peruzzi, De Rosa lo celebrano e lo esaltano nelle vibrazioni delle forme e dei colori.
A conclusione della visita degustazione di assenzio per ricordare i bistrot parigini dove si serviva questa famosa bevanda con il cucchiaino forato e la zolletta di zucchero.de pittore livornese, attraverso una serie di fotografie e documenti tratti dagli Archivi Legali di Modigliani e che riguardano tutta la sua esistenza a partire dalla sua nascita il 12 luglio 1884 in questa casa di via Roma. Ci riportano a quella data le belle foto d’epoca di Amedeo bambino con gli amici della scuola di francese fondata dalla madre Eugenia Garsin. I suoi primi esperimenti grafici nello studio del pittore Guglielmo Micheli e la frequentazione col grande maestro Giovanni Fattori.
La casa ospita una galleria di immagini; sono le immagini degli amici, da Max Jacob a Paul Alexander, dei suoi mecenati, delle sue amanti, della giovane compagna Jeanne Hebuterne nella sua dolce e sensuale bellezza, sono coloro che lo hanno accompagnato nella sua bruciante vita e carriera parigina, fino al tragico epilogo.
Un salone della casa ospita invece una serie di opere originali di grandi artisti contemporanei che hanno reso omaggio all’artista di Livorno con un’opera che lo ricorda nello spirito, nelle forme o nello stile: opere di Rotella, Guttuso, Tilson, Madiai, Ceccobelli, Baj, Marchegiani, Peruzzi, De Rosa lo celebrano e lo esaltano nelle vibrazioni delle forme e dei colori.
A conclusione della visita degustazione di assenzio per ricordare i bistrot parigini dove si serviva questa famosa bevanda con il cucchiaino forato e la zolletta di zucchero.

Riproduzione riservata ©