Migliaia di firme e “like” per Zio Paperone

La "pazza idea" del fumettista livornese Daniele Caluri ha fatto il giro del web (su fb 12000 like, 5400 condivisioni) e in meno di 10 giorni ha già raccolto oltre 2000 firme

Mediagallery

Ricordate la proposta di Daniele Caluri, fumettista livornese ed ex autore de “Il Vernacoliere” (tra i tanti comics inventati è stato il padre di Don Zauker), di trasformare il monumento a Ciano nel deposito di Zio Paperone? La “pazza idea” lanciata il 6 ottobre dalla sua pagina FB con tanto di idea grafica ha fatto il giro del web (su fb 12000 like, 5400 condivisioni) e in meno di 10 giorni ha già raccolto oltre 2000 firme. “La forma è quella… basta dipingerlo”, sostiene il creativo. Ricordiamo che tra i sostenitori ci sono il sindaco Filippo Nogarin e l’assessore al turismo Nicola Perullo. 
Caluri scrive: “Devo dire che, in effetti, mi sarei aspettato molte, molte più voci discordi, specialmente in città. E invece, nonostante il silenzio delle autorità locali, insospettabili conoscenti di ogni età hanno accolto la proposta con sincero entusiasmo, lasciando di stucco anche un cinicaccio come me. È un chiaro segnale che, laddove esiste una proposta valida, là si solleticano le personalità più disparate. Fino ad avere l’endorsement di personaggi illustrissimi e raffinati intellettuali. Come il M.° Federico Maria Sardelli.
E voi cosa ne pensate? Dite la vostra lasciando un commento sotto all’articolo.

Ecco quanto scrive l’autore de “Il Vernacoliere” – “Se passate dalla parte sud di Livorno, poco prima della scogliera alzate gli occhi verso terra, vedrete un curioso cubo bianco in mezzo alla macchia mediterranea che guarda il mare.
Si tratta delle rovine di quello che doveva essere il grandioso Mausoleo di Costanzo Ciano, gerarca fascista ghermito all’affetto dei cari nel 1939, e che doveva sobriamente sorreggere non solo un gigafaro alto 50 metri a forma di fascio littorio, ma anche un Kaiju di marmo del mite gerarca.
E invece quello che resta è questo cubo cavo, abbandonato ai rifiuti, alle sterpaglie e alle scorie dell’amore in camporella. Da qui, completamente vittima del mio senso civico, rendo nota quindi l’iniziativa di cui mi vorrei far promotore: salviamo il Mausoleo di Ciano, TRASFORMANDOLO NEL DEPOSITO DI ZIO PAPERONE. Ecco, allego un paio di immagini-prova; la forma c’è, le dimensioni anche. SINDACO, ASSESSORI, AMICI DISNEY: restituiamo nuova dignità e prestigio a questo relitto dimenticato da Dio e dagli uomini – con l’esclusione di qualche babbeo nostalgico – e ridiamo impulso al turismo migliore nella nostra città!. P.S. Sono serio”.

Riproduzione riservata ©