I “Luoghi di Modì” di nuovo in città prima di Parigi

Mediagallery

Dopo il successo della scorsa estate alla Bottega del Caffè (oltre 3000 visitatori in tre settimane) e di questo inverno a Palazzo Blu (evento collaterale alla mostra “Modigliani et ses amis”), il progetto “I luoghi di Modigliani tra Livorno e Parigi” torna nella sua città natale e lo fa, a grande richiesta, con un evento straordinario: la XXIII edizione Giornate di Primavera del Fai.

La mostra foto-biografica firmata dal regista Luca Dal Canto sarà infatti allestita per soli due giorni, sabato 21 (dalle 14 alle 18) e domenica 22 marzo (dalle 10 alle 18.30), all’interno degli scenografici settecenteschi Magazzini del Palazzo delle Colonne di Marmo, appositamente riaperti e resi visitabili, insieme alle cantine al livello dei fossi, dalla delegazione livornese del Fondo Ambiente Italiano.

“I luoghi di Modigliani tra Livorno e Parigi” è un progetto composto da 56 pannelli che raccontano la vita del più grande artista del Novecento attraverso gli scatti contemporanei di quelli che furono i “suoi” luoghi e 45 racconti illustrati; un modo per scoprire la tragica geniale esistenza di Amedeo Modigliani, ma anche per vedere come le due città a lui più care si sono trasformate dal punto di vista urbanistico in oltre un secolo di cambiamenti socio-economici.

Il libro-catalogo del progetto, presentato in molte città italiane, edito da Erasmo e con le prefazioni illustri di Giorgio Cricco e Murielle Levy, è stato appena ristampato e “I luoghi di Modigliani”, dopo la due giorni livornese, si sposterà in primavera-estate a Torino e in autunno a Parigi, per poi fare tappa, probabilmente (gli enti organizzatori stanno ancora lavorando su questo fronte), a Milano.

L’ingresso alla mostra sarà dagli scali del Monte Pio. Un’occasione davvero speciale per scoprire un Modigliani diverso dal solito e visitare un edificio unico dal punto di vista architettonico.

Per ulteriori informazioni: www.iluoghidimodigliani.com

 

Riproduzione riservata ©