Libri “Spiaggiati” al Bagno Maddalena

Mediagallery

“Leggere un libro è bello, da emozioni, arricchisce culturalmente, migliora l’anima……farlo in spiaggia ancora di più”. Con questo slogan si è svolta al Bagno Maddalena di Tirrenia l’inaugurazione della nona edizione di “Libri spiaggiati”, con tanto di nastro tricolore e brindisi. La manifestazione organizzata da Antonio Contini, con la moglie Barbara e l’amico Leonardo Semboloni, coordinatori di ANI.MA, ha permesso negli anni ai clienti dello stabilimento balneare e non solo, di scambiarsi quasi 2000 libri. Ma guardiamo nello specifico di cosa si tratta. L’iniziativa si ispira alla più famosa Book Crossing (libri abbandonati), che dall’America ormai si è diffusa in molti paesi del mondo. La filosofia è di leggere un libro e donarlo al prossimo, che in questo caso è una persona che condivide la stagione balneare a Tirrenia. I clienti troveranno presso la direzione, una libreria ben fornita, un divano e due poltrone in bambù dove poter ‘’spiaggiare’’ i propri libri. Ad ogni libro spiaggiato sarà applicata un’etichetta con la descrizione dell’iniziativa e la data di ‘’spiaggiamento’’. Anche quest’anno i clienti hanno risposto con entusiasmo e già dai primi giorni di apertura avevano portato tantissimi libri, alcuni frutto di una “pulizia” delle proprie librerie, altri invece con libri nuovi letti una sola volta. La scelta è ampia, dai classici come Via col vento, ai romanzi di Donato Carrisi, Patricia Cornwell e Ken Follett. Libri religiosi tra cui una Bibbia (in arabo) e La grande storia di Padre Pio, altri di storia su Napoleone e di cucina. Fortunatamente non sono mancati i libri per bambini ed adolescenti con la serie di Geronimo Stilton e molti fumetti. Pare inoltre che questa iniziativa abbia “contaminato” anche Legambiente, che su grande scala abbia, dall’anno scorso, istituito le “librerie da spiaggia”. Quindi lunga vita a questa iniziativa culturale che va ad allietare l’estate del Bagno Maddalena.

Riproduzione riservata ©