Le donne di Puccini in concerto all’Hotel Palazzo

Domenica 13 Marzo alle ore 17 nella splendida sala Marconi dell’NH Hotel Palazzo di Livorno, nell’ambito dei festeggiamenti della festa della donna, sarà presentato un originale concerto lirico

Mediagallery

Domenica 13 Marzo alle ore 17 presso la splendida sala Marconi dell’NH Hotel Palazzo di Livorno nell’ambito dei festeggiamenti della festa della donna sarà presentato un originale concerto lirico vocale dedicato alle figure femminili delle opere di Giacomo Puccini che vedrà sul palco due già affermate cantanti liriche a livello nazionale e una pianista. Saranno le voci dei soprani Simona Parra e Chiara Panacci, già conosciute a livello nazionale in grandi ruoli come: Tosca, Butterfly, Traviata , Trovatore, Aida, accompagnate al pianoforte dalla pianista Laura Pasqualetti che interpreteranno le più celebri arie delle eroine pucciniane da Manon Lescaut a Mimì, da Tosca a Butterfly, da Suor Angelica a Liù presentate da Franco Bocci. Si è discusso molto sul rapporto tra Puccini e l’universo femminile, sia come riferimento ai personaggi delle sue opere, sia in rapporto alle donne incontrate nella sua vita. Frequente ed ormai leggendaria è l’immagine di Puccini come impenitente donnaiolo, alimentata da diverse vicende biografiche e dalle stesse sue parole con cui amò definirsi “un potente cacciatore di uccelli selvatici, libretti d’opera e belle donne”. Per l’occasione, il concerto che sarà dedicato a tutte le donne presenti in sala, presenterà una ricca antologia fra le più celebri arie tratte dalle opere Manon Lescaut, La Bohème, Tosca, Madama Butterfly, La Rondine, Gianni Schicchi, Suor Angelica fino all’ultima incompiuta  Turandot. Posto unico promozionale euro 10,00. E’ consigliata la prenotazione al 329 8226970 oppure alla mail: [email protected] Possibilità di aperitivo in terrazza dell’Hotel palazzo dopo il concerto al prezzo di euro 5,00. biglietti sono disponibili il giorno stesso dello spettacolo dalle ore 16,00 presso l’ingresso dell’Hotel Palazzo.

 

 

Riproduzione riservata ©