L’Acqua Cheta al Cral Eni

Mediagallery

Torna dopo dieci anni di assenza dai palcoscenici labronici L’Acqua Cheta, l’operetta Toscana per eccellenza presentata dalla Compagnia Spazio Teatro nell’ambito della stagione teatrale 2014 – 2015 del Teatro Cral ENI in collaborazione con Vinoperarte e la Compagnia Lirica Livornese. L’operetta sarà in scena sul palco del teatro Cral ENI di Viale Ippolito Nievo 38 Sabato 21 Febbraio alle ore 21,15 , Domenica 22 Febbraio alle ore 17,15.  Vista la grande richiesta ci sarà una replica straordinaria domenica 22 febbraio alle 21,15. Nel panorama della piccola lirica italiana, L’Acqua Cheta di Giuseppe Pietri è da considerarsi uno dei migliori prodotti del teatro leggero italiano per la piacevolezza delle musiche e per il brillante testo tratto dall’omonima commedia in vernacolo fiorentino di Augusto Novelli del 1908. Dopo la prima rappresentazione nel 1920 a Roma de «L’acqua cheta», un giornale scrisse, con ragione, che era nata l’operetta italiana. Non più principesse o viveurs, lustrini o champagne, lusso di palazzi o ambasciate, ma la vita delle sartine, degli studenti, delle mamme generose, delle piccole borgate di periferia. Protagonista della svolta è il toscano Giuseppe Pietri, nato nel 1886, che, a trent’anni, inizia con successo la sua carriera di compositore con «Calendimaggio» per arrivare al suo capolavoro «Addio Giovinezza» nel 1915. L’Acqua Cheta è molto vicina alla commedia musicale, con temi noti al grande pubblico (si ricordi «Com’è bello guidare i cavalli») l’operetta è ambientata nella Firenze anni 20 e tratta le vicissitudini di una famiglia borghese con momenti di forte impatto spettacolare e visivo, sui quali spicca la celebre «Rificolona». Il nuovo allestimento curato dal regista Fabrizio Corucci,  sarà fresco e frizzante di taglio tradizionale ma con alcune novità che vedranno impegnati nel cast il soprano Chiara Mattioli (Anita), il tenore Claudio Ciampi (Cecchino), il soprano Alice Salvadori (Ida), gli attori Aldo Corsi (Sor Ulisse), Aldo Puglia (Stinchi), Franco Bocci ( Alfredo), Elisabetta Macchia (Sora Rosa) , Roberto Mattioli (il notaio Asdrubale) , Gianluigi Flauret ( il giornalista Bigatti), Annarosa Bechelli (Zaira), Paola Pacelli (Anna) e Laura Ciampi (Teresa). La direzione musicale dello spettacolo sarà di Paolo Filidei al pianoforte insieme a Simone Faraoni alla fisarmonica e Ala Melnic al violino mentre i movimenti coreografici saranno eseguiti dal balletto ABC Danza diretto da Martina Avvallone. Posto unico euro 12,00, ridotto soci Coop e over 65 euro 10,00. Per prenotazioni chiamare 0586 893247. I biglietti sono disponibili presso il botteghino del teatro Cral ENI Giovedì 19, Venerdì 20 e sabato 21 Febbraio con orario 17,00 – 19,00.

Riproduzione riservata ©