La musica del Mascagni per Santa Giulia

Mediagallery

Dopo il bel successo del concerto della grande Orchestra Toscana dei Conservatori e del Coro delle quattro istituzioni toscane di alta formazione musicale affiancato dalla Società Corale Pisana, che ha affollato il Duomo di Livorno al di là di qualunque previsione, ancora due sono i concerti che il Mascagni, insieme con la Diocesi livornese, offre alla città per onorare la ricorrenza della Santa Patrona.

Mercoledì 18 maggio alle 21:00, nella Chiesa di San Ferdinando, i giovani della Classe di Canto di Graziano Polidori sono interpreti di brani di musica sacra dal barocco al ‘900, accompagnati al pianoforte da Stefano Galli.

Molti i brani che si ascoltano dallo Stabat Mater di Pergolesi: Ilaria Casai, soprano e Amanda Ferri, mezzosoprano, eseguono l’intensissimo Stabat Mater dolorosa; ancora Amanda Ferri e Ilaria Casai cantano, rispettivamente, Eia Mater e Vidit Suum; e, di nuovo insieme, le due giovani sono interpreti del Quis est homo.

Il soprano Francesca Maionchi esegue due tra le pagine più note e amate: l’Ave Maria di Pietro Mascagni e quella di Franz Schubert. Insieme con Amanda Ferri è poi interprete del Qui tollis dalla Petite Messe solennelle di Gioacchino Rossini.

Il baritono Ashkan Shajarian canta Pietà signore di Alessandro Stradella e il Panis Angelicus di Cesar Franck, mentre al tenore Federico Bulletti è affidata l’esecuzione dell’Ave Maria di Gounod e dell’Agnus Dei di Georges Bizet.

 

Domenica 22 maggio alle 17:30, in Duomo, in occasione della Messa Solenne in onore di Santa Giulia nel giorno della ricorrenza patronale, si esegue la composizione vincitrice del II Premio Nazionale di Composizione di Musica Sacra “Santa Giulia”.

Quest’anno il Premio Santa Giulia ha riscosso un interesse vivissimo, documentato soprattutto dall’alto livello delle composizioni esaminate dalla giuria, qualificandosi come uno dei più interessanti premi di composizione di musica sacra in Italia.

È il lavoro del giovanissimo Pietro Magnani, che la giuria del premio ha giudicato “un’opera fresca, curata nella definizione melodica, orchestralmente varia e attenta alla destinazione liturgica”, che ascolteremo nel corso della celebrazione del rito in Cattedrale.

Santa Giulia 2016

Manifestazioni di Musica Sacra ancora in programma

Mercoledì 18 maggio 2016 ore 21.00

Chiesa di San Ferdinando

G. B. Pergolesi, da Stabat Mater, Stabat Mater Dolorosa

Ilaria Casai, soprano

Amanda Ferri, mezzosoprano

P.Mascagni, Ave Maria

Francesca Maionchi, soprano

A. Stradella, Pietà Signore

Ashkan Shajarian, baritono

G. B. Pergolesi, da Stabat Mater, Eia Mater

Amanda Ferri, mezzosoprano

G. Gounod, Ave Maria

Federico Bulletti, tenore

G. B. Pergolesi, da Stabat Mater, Vidit Suum

Ilaria Casai, soprano

C. Frank, Panis Angelicus

Ashkan Shajarian, baritono

F. Schubert, Ave Maria

Francesca Maionchi, soprano

G. B. Pergolesi, da Stabat Mater, Quis est homo

Ilaria Casai, soprano

Amanda Ferri, mezzosoprano

G. Bizet, Agnus Dei

Federico Bulletti, tenore

G. Rossini, da Petite messe solennelle, Qui Tollis

Francesca Maionchi, soprano

Amanda Ferri, mezzosoprano

Classe di canto dell’ISSM P. Mascagni

Maestro Graziano Polidori

Stefano Galli, pianoforte

Domenica 22 maggio 2016 ore 17.30

Duomo di Livorno

 

In occasione della Santa Messa, esecuzione della composizione vincitrice della seconda edizione del Premio Santa Giulia

 

La seconda edizione del Premio Nazionale di Composizione di Musica Sacra “Santa Giulia” riservata a pagine originali, mai eseguite né premiate o segnalate in occasioni precedenti, per Coro fino a 4 voci ed Organo, ai quali si poteva aggiungere anche un Quartetto di ottoni, con due trombe, un corno e un trombone.

I testi sono quelli dell’Ordinario della Celebrazione Eucaristica, dal Kirie all’Agnus Dei, in Italiano secondo la liturgia post conciliare, e la composizione di Pietro Magnani, accompagna il momento della celebrazione della Comunione.

 

Riproduzione riservata ©