La Combriccola di Livorno in scena a Marina Slow Food

Mediagallery

Venerdì 28 agosto alle 21,30 sarà di scena a Marina Slow, festa che il Circolo Il Fortino e Slow Food Pisa organizzano ogni anno a Marina di Pisa, la compagnia livornese la Combriccola “ con una nuova esilarante commedia in vernacolo scritta da Aldo Corsi dal titolo “ Se si desina un si cena” ovvero Tempi Duri. La Commedia dal titolo attualissimo narra le vicende di una classica famiglia povera livornese dove, per andare avanti ogni giorno si fanno i salti mortali, con l’immancabile vecchia, che con la sua misera pensione porta avanti la famiglia, con la figlia che si arrabatta a fare piccoli lavori di cucito, con il genero, che a causa della perdita del lavoro si inventa qualche lavoretto per racimolare due soldi e un nipote un po’ vanitoso e senza scrupoli che cerca di fare bella figura nei confronti della fidanzata benestante. Però un bel giorno accade qualcosa di inaspettato che forse potrebbe cambiare la vita di qualcuno di loro, ma per scoprire questo vi aspettiamo allo spettacolo che vedrà la partecipazione di Aldo Corsi , autore della commedia stessa nei panni della immancabile Vecchia Corinna, Annarosa Bechelli in quelli della figlia Nada, Fabio Max in quelli del genero Virgilio, Franco Bocci il loro figlio Luciano e Elisabetta Macchia nei panni dell’immancabile amica di casa pillaccherona rovina famiglie. La direzione musicale è di Stefania Casu mentre la regia è curata da tutta La Combriccola. Posto unico 5 euro. Un appuntamento da non perdere per trascorrere una serata in allegria e in buonumore. Alla base della festa Marina Slow c’è l’amore per il territorio inteso come propensione alla cura e volontà di preservare e far crescere il bene comune che il territorio rappresenta.
Marina Slow nasce attorno all’idea della valorizzazione della cultura di comunità, del pesce e della pesca, del mare come elemento fondante di una identità. Con Marina Slow si ricerca l’incontro diretto con i pescatori, con i produttori di cibo, con i ristoratori, con tutta la filiera dell’artigianato dell’ospitalità.

Riproduzione riservata ©