Karim, l’ambulante “mago delle pietre”

Mediagallery

Si chiama Karim, è senegalese, ma non ama molto parlare di sé. Preferisce creare e far parlare le sue opere al posto suo (clicca sul link in fondo all’articolo per vedere le immagini scattate da Simone Lanari delle sue opere d’arte). E’ a Livorno da poco e per sbarcare il lunario prova a fare il venditore ambulante. Come zona prediletta ha scelto di bazzicare il viale Italia, dove in tanti, approfittando di queste ultime giornate di sole invernale, hanno scelto di trascorrere piacevoli mattinate o pomeriggi a passeggio. Tra un cliente e l’altro il giovane Karim trascorre il suo tempo dedicandosi allo “stone-balance”, una pratica mista tra zen e arte, tra concentrazione e filosofia, in cui si costruiscono vere e proprie sculture fatte di sassi che si tengono  “magicamente” in equilibrio basandosi sul concetto di un difficile baricentro da scovare. Ci vuole molta pazienza e l’estate del 2013 un nostro concittadino, Elio Voliani, a pochi metri di distanza (il moletto di S.Jacopo), dette esempio di questa forma di arte naturalistica molto suggestiva (clicca qui per leggere l’articolo su Voliani e vedere i suoi capolavori). Karim ha emulato Elio sulla spiaggetta che separa la Terrazza Mascagni dai Bagni Pancaldi. Su questo arenile il giovane venditore ambulante costruisce e sfoggia le sue opere d’arte incuriosendo i tanti passanti che si fermano ammaliati per guardarlo.

Riproduzione riservata ©