Il cabaret di Pasqui per il tetto del Prato

E a seguire i Trilobeats Dj con musiche anni ottanta

Mediagallery

Non poteva mancare l’attrice labronica Paola Pasqui a contribuire ad incrementare il contatore per ripristinare il tetto della palestra del Prato. Venerdì 3 luglio, alle ore 21, al Prato (viale Carducci 31) Paola Pasqui salirà sul palco del Prato con la sua straripante simpatia e annienterà ogni malelingua intorno perché la sua lingua è la più perfida di tutte le lingue livornesi. Introduce lo spettacolo Sandra Mazzinghi.

Ingresso ad offerta libera.

La Pasqui, vincitrice del premio “Gianni Lenci” come migliore attrice per la commedia “Chissà chi ce l’ha”, divertirà il pubblico del Prato con la sua comicità intelligente. L’artista, che prosegue la sua attività in parallelo fra teatro e cabaret, ma è anche prolifica autrice di libri molto crudi e seri, nel corso degli anni ha fatto nascere personaggi esilaranti fra cui la perfida Luana, la figlia Yarika, l’antenata Dina, vecchietta che porta malissimo e Nenia O’Connor. Chi verrà tra questi personaggi al Prato?

cabareIn uno dei suoi post deliranti su facebook Paola Pasqui annuncia quanto segue: “Allora il 3 sono al Prato e il 10 sono alla Terrazza. Al Prato venite e frugatevi che è per un’ottima causa (offerta libera), alla Terrazza non importa frugarsi, tanto vi sarete già frugati al Prato.”

E dopo un simpatico spuntino con frutta fresca e prosecco, la serata continua con i Trilobeats Dj, duo composto da Alessandro Costanzo e Jacopo Razzauti, giovanissimi dj labronici che proporranno una rivisitazione delle musiche degli anni 80, anni lontani, in cui appunto la Pasqui si dilettava a danzare sulle note di Gazebo o degli Wham!

Ricordiamo che domenica scorsa nel suggestivo scenario dei bagni Sama, hanno suonato e cantato per il tetto l’orchestra Ensamble Bacchelli e il soprano Arianna Rondina. Stefania D’Echabur è entrata ballando sulle note del valzer e ha introdotto la serata presentando con un suo scritto, brillante allegro e incisivo, sia l’orchestra sia la causa del tetto per la palestra. Erano con noi alcuni ragazzi disabili che frequentano la palestra e a cui la musica piace molto: Mariangela, Stefano e Pietro. Ricavato della serata 1.165 euro

Facebook: Il Prato un tetto per la palestra

 

Riproduzione riservata ©