Il basso “livornese” Signorini in concerto a Livorno

Mediagallery

L’Associazione Accademia degli Avvalorati grazie alla preziosa collaborazione della Parrocchia di Santa Caterina,  organizza il concerto dei  fratelli Signorini. Manrico, cantante lirico basso di fama internazionale e Massimo Signorini concertista di fisarmonica. Mercoledì 14 gennaio alle ore 21 presso la Chiesa di Santa Caterina.

Manrico Signorini di professione cantante lirico di fama internazionale nasce a Livorno e si diploma al Conservatorio “Luigi Boccherini” di Lucca e si perfeziona con  Maria Giovanna Gabanizza. Riceve il diploma di merito all’Accademia Chigiana di Siena e si mette presto in luce all’Accademia Verdiana di Parma e canta al Teatro del Giglio di Lucca in Bastiano e Bastiana di Mozart. Debutta a Livorno nel Guglielmo Ractliff di Mascagni. Dopo il debutto al Teatro alla Scala di Milano nel 1996 con Il giocatore di Prokof’ev, con la direzione di Valery Gergiev, inizia subito un’intensa collaborazione con la Rtsi di Lugano.
Tra le più recenti interpretazioni figurano: Attila di Verdi all’Arena Sferisterio di Macerata per la regia di Brockhaus, I diavoli di Loudun di Penderecky al Teatro Regio di Torino, Una Lady Macbeth nel distretto di Mcensk per il Maggio Musicale diretto da Semyon Bychkov, Il flauto magico(Sarastro) al Teatro dell’Opera di Roma diretto da Gianluigi Gelmetti e a Livorno per la direzione di Piero Bellugi, Don Carlo (Il Frate) al Teatro San Carlo di Napoli con Gabriele Ferro, Madama Butterfly al Teatro di Wiesbaden (de Bernart), al National Opera di Tokyo (Ranzani) e al Festival di Torre del Lago Puccini, Macbeth al Teatro Comunale di Parma (Pidò) etc… Ha recentemente debuttato il ruolo di Ramfis in Aida nello straordinario scenario naturale di Tiro in Libano. Nel novembre 2005 canta alla Queen Elizabeth Hall di Londra lo Stabat Mater di Rossini con la London Symphony Orchestra. Nel 2006 ritorna a Livorno per un’opera inedita di Mascagni In filanda, e, ancora a Livorno,  inaugura la stagione del Teatro Goldoni conIris di Mascagni nel ruolo del Cieco, ruolo che ha ripreso nel 2008 al Teatro Verdi di Trieste. Nel  2010 ha debuttato in Turandot, Carmen e Butterflycon larregia del Maestro Zeffirelli e per ultimo ha cantato allo “Stade de France” a Parigi davanti a 60.000 persone l’Aida di G. Verdi con la regia di C. Roubaud. Nel 2011 ha cantato “Il Rigoletto” di G. Verdi al teatro de la Comedie a Montpellier con la regia di Rene’ Koerig.
Attualmente è in tourneè con dei concerti che ricordano le incisioni dell’indimenticabile basso italiano Cesare Siepi, che incise nell’America del dopo guerra, dove abitava, degli splendidi dischi di questo genere, che sembra non morire mai…Nella sua Livorno nella bellissima Chiesa di Santa Caterina nella Venezia, canterà accompagnato da Massimo Signorini (suo fratello) concertista di fisarmonica e presidente dell’Ass. Accademia degli Avvalorati. La magia e il fascino della fisarmonica classica ereditata dall’insegnamento di Salvatore di Gesualdo e Ivano Battiston, si unirà con la potenza della voce ed al timbro corposo e caldo di basso del fratello Manrico. Musiche dedicate al bel canto lirico.

Riproduzione riservata ©