Gran concerto di cornamuse scozzesi

Mediagallery

E’ certamente un evento eccezionale il gran concerto di cornamuse scozzesi che si terrà sabato 27 settembre alle 21.30 all’Istituto Superiore di Studi Musicali “P. Mascagni” (Auditorium “C. Chiti”, via Galilei 40), ingresso libero e gratuito.
Guest star Roddy MacLeod, direttore del National Piping Centre di Glasgow, la scuola più prestigiosa, vincitore di innumerevoli concorsi musicali internazionali e massimo conoscitore del pibroch, la musica classica per cornamusa scozzese, un ramo del suo vastissimo repertorio.
Non si ha memoria a Livorno del passaggio di suonatori di così alto livello di great highland bagpipe, la grande cornamusa delle Highlands, più semplicemente conosciuta in Italia col nome di cornamusa scozzese. L’occasione è data dal 12° Big Gathering, il raduno degli appassionati di questo strumento che si sono dati appuntamento per tre giorni di studio nei pressi di Calambrone, tra Livorno e Pisa.
La cornamusa condivide con la nostrana zampogna le medesime origini di aerofono a sacco, ma è proprio nelle highlands scozzesi che ha avuto lo sviluppo che la caratterizza grazie ai liutai artigiani che ne hanno rivisitata e arricchita la forma e ad una raffinatissima tecnica di esecuzione che nei secoli si è sviluppata. Ai giorni nostri è uno strumento musicale diffuso, apprezzato e studiato in tutto il mondo e a differenza di appena una decina di anni fa ci sono formazioni bandistiche e scuole anche nel nostro paese per impararlo. La presenza di Roddy MacLeod in qualità di insegnante e ospite d’onore al gathering ne è la testimonianza.
Il concerto di sabato sera, organizzato dal Bagpipe Italian Group/Associazione Piper Italiani in collaborazione con il Comune di Livorno, sarà introdotto da Alberto Massi, unico italiano ad aver conseguito il graduate on senior teacher e vincitore di premi professionistici in Scozia, direttore artistico delle principali pipe band presenti sul territorio nazionale.

Riproduzione riservata ©