Premio Ciampi, su il sipario. I NOMI e in via Cambini…

Venerdì 20 in via Cambini, all'ora dell'aperitivo, suoneranno la banda dell'Svs con un'incursione dei Sinfonico Honululu. Ecco tutti i nomi che saliranno sul palco

Mediagallery

di Filippo Ciapini

Presentato, non senza qualche polemiche, il ventunesimo “Premio Ciampi” in programma  dal 10 al 21 novembre. “Quella di quest’anno è stata un’edizione molto travagliata, tanto che fino a poco più di 2 settimane fa è stato tutto in forse”, ha detto il presidente dell’associazione Premio Ciampi, Massimiliano Mangoni, aprendo la conferenza stampa. Anche se con un programma ridotto, la rassegna dedicata al cantautore livornese offrirà un altissimo livello artistico: un connubio tra musica, poesia, libri ed arte pittorica che avrà l’intento di portare ad un “livello superiore” la cultura livornese. Cultura che, come afferma il vicesindaco Stella Sorgente, “deve essere anche compresa come un’opportunità di lavoro. Infatti vorremmo attivare in futuro percorsi che coinvolgano tutta la città in tutti i campi. E la cultura è uno tra questi”. Per la prima volta il Teatro Goldoni non verrà utilizzato per il “concertone” che chiudeva la kermesse e le serate finali del Premio Ciampi diventano due, venerdì 20 e sabato 21 novembre, entrambe al Teatro La Goldonetta.
Come detto, non sono mancate le polemiche per il contributo della Regione di 21mila euro (dimezzato) alla manifestazione. Il presidente dell’Arci Livorno Marco Solimano, prima, e il direttore artistico del Premio Ciampi Franco Carratori, dopo, sono andati giù duro: “Abbiamo avvertito una mancanza di rispetto da parte dell’ente: abbiamo iniziato a scrivere alla Regione a marzo. Non ci hanno mai risposto e adesso, solo grazie a Francesco Gazzetti e alla sua tenacia, è stato evitato un clamoroso autogol. I fondi arrivati sono la metà di quelli previsti. Non sappiamo se vedere il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto”. Proprio Gazzetti, consigliere regionale Pd presente alla conferenza in rappresentanza della Regione, tiene a sottolineare che “non abbiamo sottovalutato, né preso sotto gamba l’importanza della kermesse. Credo, invece, che questo contributo dimostri il contrario ricordandoci quanto sia difficile costruire i bilanci. Ad ogni modo, mi auguro che terminata questa edizione si possa subito lavorare alla prossima per avviare da subito una discussione”.

Il programma – Bobo Rondelli, Musica Nuda, Sinfonico Honolulu, Cinaski Trio, Gary Lucas, Marco Rovelli, Il Teatro degli orrori, Sara Loreni, il pittore Lucio Pozzi, la poetessa Azzurra D’Agostino: questi alcuni tra i più significativi protagonisti delPremio Ciampi 2015, in programma a Livorno dal 10 al 21 novembre.
Il criterio che è prevalso, nell’allestimento dei cast, è stato quello di proporre musicisti e gruppi molto legati alla manifestazione, talenti che hanno mosso i primi passi delle loro carriere puntando su ricerca e creatività e che a Livorno, grazie alla nostra rassegna, hanno trovato la vetrina ideale per mettere in luce i propri mezzi espressivi e sono oggi protagonisti di eccellenti percorsi artistici. Come i Gatti Mèzzi che, dopo Pisa, anche nella città labronica celebreranno il loro decennale o i Letti Sfatti che si esibiranno insieme all’ex Avion Travel Fausto Mesolella o iSinfonico Honolulu che, alla Goldonetta, presenteranno in anteprima alcuni brani del nuovo Cd, così come faràLuca Faggella.
Graditissimo, anche, il ritorno di Sara Loreni, vincitrice del Premio Ciampi nel 2007 e fresca reduce dalla partecipazione a X Factor che si è conclusa per lei con un clamoroso ritiro dal talent show dopo aver superato ogni esame. Alla Goldonetta ci sarà poi l’occasione di riascoltare il poeta, scrittore e cantautore Marco Rovelli, Targa Ciampi con Les Anarchistes nel 2002 e il Michela Lombardi Quartet alle prese con la rivisitazione in chiave jazz di brani di Buscaglione, Ciampi, Endrigo, Ferrer e Pagani. Quattro le new entry del Premio: il duo Musica Nuda conPetra Magoni e Ferruccio Spinetti che per la prima volta nell’ambito della rassegna avranno l’opportunità di evidenziare i più recenti approdi del loro itinerario, il  Cinaski Trio in un happening che contamina suoni e poesia, ilTeatro degli Orrori che proporrà i brani del nuovo cd senza titolo e il musicista americano Gary Lucas, già collaboratore dell’indimenticabile Jeff Buckley, in coppia con Alessio Franchini. Meritano inoltre grande attenzione i contributi dei due Premi Ciampi 2015: la diciassettenne Lucia Carmignani (vincitrice concorso nazionale) e i Roots United (migliore cover ciampiana).
Tra le iniziative collaterali assumono un rilievo particolare quella in programma al Teatro delle Commedie (19 novembre, ore 21) in cui Bobo Rondelli registrerà dal vivo le canzoni dello spettacolo “Ve lo faccio vedere io chi è Piero Ciampi” per ricavarne un disco e il concerto, al The Cage (14 novembre, ore 22) del Teatro degi Orrori, punta di diamante della scena rock “alternativa” italiana. Spazio anche al Premio Internazionale di Poesia “Valigie Rosse” (13 novembre, ore 21, Associazione Blu Cammello) che, alla sua sesta edizione, assegna la targa della sezione italiana ad Azzurra D’Agostino e quelle della sezione internazionale ai poeti svizzeri Américo Ferrari,Dragica Rajcic, Leta Semadeni e Mary-Laure Zoss, mentre il giorno successivo (14 novembre, Galleria Peccolo, ore 18) andrà in scena l’Altrarte, altro Premio a noi collegato, con l’inaugurazione della mostra “Lo sguardo” di Lucio Pozzi e la consegna della targa alla carriera all autore. E che l’arte figurativa reciti un ruolo di primo piano nella ventunesima edizione del Premio Ciampi lo dimostrano anche l’evento organizzato per l’apertura della rassegna (10 novembre, Galleria Peccolo, ore 18), la mostra ciampiana “Un bel viso nella testa” con performance musicale di Alessandra Falca e Chiara Lazzerini e “Little Demon”, un omaggio in programma alla Galleria 70m2 (20 novembre, ore 18) a Professor Bad Trip (Premio L’Altrarte nel 2005) e alla sua opera con un intervento musicale di Marco Rovelli dedicato ad alcune delle canzoni del suo nuovo Cd “Tutto inizia sempre”.
Ancora per la serata di venerdì 20, oltre ai concerti della Goldonetta (ore 21,00), c’è da segnalare un happening di particolare originalità: il titolo è “Via Cambini”, una delle strade più caratteristiche e affollate del centro di Livorno nell’ora dell’aperitivo, uno straordinario spazio di aggregazione giovanile che, per l’occasione, sarà animato (ore 20) dai suoni ciampiani della Banda dell’Svs e da un’incursione dei Sinfonico Honululu. Di notevole impatto anche “A cena tra le stelle”, tre serate tra menu ciampiani e reading poetici, ospitate, a partire dalle 21 da Piulli (16 novembre), La Barrocciaia (17 novembre) e La Cantina Senese (18 novembre). Della compagnia ciampiana che nobiliterà i pasti fanno parte Giampaolo Castellani, Aldo Galeazzi, Michele Crestacci, Chiara Cavalli, Marco Fontana e Teatro Tra i Binari – Francesco Mugnari & Simone De Fazio.
Come nella tradizione del Premio Ciampi non mancheranno, infine, presentazioni di libri e pubbliche interviste:sabato 21 novembre, alle ore 17,30, nella Sala Mascagni del Teatro Goldoni, lo scrittore Enzo Gentilepresenterà il suo volume “Lontani dagli occhi – vita, sorte e miracoli di artisti esemplari” dedicato a Fred Buscaglione, Piero Ciampi, Sergio Endrigo, Nino Ferrer e Herbert Pagani mentre Gary Lucas sarà intervistato da Antonio Vivaldi, membro della Giuria del Premio Ciampi. Subito dopo si svolgeranno le premiazioni di Lucia Carmignani e Roots United, vincitori delle Targhe Ciampi 2015.

Il Premio Ciampi è organizzato dall’associazione culturale Premio Ciampi/Arci con il contributo di: Regione Toscana, Comune di Livorno, Fondazione Livorno, Fondazione Teatro Goldoni, ed in collaborazione con :Laboratori Blu Cammello, Galleria Peccolo, Via Cambini Mon Amour, Cantina Senese, Dal Piulle, La Barrocciaia, The Cage Theatre, Nuovo Teatro delle Commedie, Studio di Architettura 70 m2.

Riproduzione riservata ©