“Zighe a vela”. Una regata-culinaria

L'iniziativa è aperta a tutti gli amanti del mare e a tutti i possessori di qualsiasi barca. Per chiunque volesse partecipare basta mandare un'email a [email protected]

Mediagallery

di Filippo Ciapini

“Un’occasione per stare tutti assieme come mai non si fa a Livorno”. Lo ha dichiarato Gian Luca Conti, presidente dello Yacht Club, riguardo al nuovo progetto chiamato “Zighe a vela”. “L’iniziativa”, continua,”che riprende la celebre Barcolana di Trieste, manifestazione che interessa il maggior numero di barche di tutto il mediterraneo, si svolgerà domenica alle 11 e, tempo permettendo, consisterà nel compiere un breve percorso delimitato da due boe poste una davanti all’Accademia e un’altra ad altezza dell’Hotel Rex con tutte le barche del Mediceo.
Concluso il percorso arriverà la parte più “buona”: infatti ci sarà una “spaghettata con le zighe” presso le banchine dello Yacht Club, dove, oltre a mangiare, si discuterà insieme del futuro del porto nel tentativo di riprendere
quelle tradizioni e quelle vocazioni che Livorno ha smarrito. L’iniziativa è aperta a tutti gli amanti del mare e a tutti i possessori di qualsiasi barca, per chiunque volesse partecipare basta mandare un’email a [email protected]. Il costo della manifestazione è di 20 euro a imbarcazione comprensiva anche di 2 “pranzi”, mentre, per coloro che volessero solamente pranzare, il prezzo è di 10 euro a persona. “Questa, non è una manifestazione di nicchia”, prosegue Alessandro Baldi, consigliere Yacht Club, “ma è fatta per tutta la città in modo che si apra una porta verso il porto di Livorno poiché il porto è dei Livornesi e deve restare tale”.
Alla conferenza hanno partecipato anche alcuni presidenti dei circoli nautici che hanno collaborato al progetto come Franco Galligani, presidente del Circolo Nautico Livorno,
Claudio Vaccaro, del Circolo Nautico “il Molo” ed Alberto Cavallini del Circolo Nautico “Orlando”.

Riproduzione riservata ©