“Diversamente Amore” a Effetto Venezia

Mediagallery

Una serata doppia sulla crescita, l’amore in ogni sua veste e l’educazione alla vita. È il percorso difficile verso l’autonomia, delle persone diversamente abili da una parte e degli adolescenti dall’altra. Mercoledì 30 luglio due presentazioni divertenti e speculari a Effetto Venezia (sala della Circoscrizione 2, scali Finocchietti). Alle 21, la giornalista Antonia Casini illustrerà il suo Diversamente amore (Mds editore), ambientato al Parco del Mulino, sede dell’associazione Italiana persone down di Livorno a cui andrà l’incasso dell’autrice di questa prima edizione. Sarà Lamberto Giannini, regista della compagnia Mayor Von Frinzius, intervistato a fine romanzo, a raccontare alcuni passaggi del libro, che Serena Donati leggerà al pubblico. E alle 21,30 proprio la giornalista porrà alcune domande allo stesso Giannini sul suo terzo volume, della serie, scritto dal professore di filosofia, La sfida educativa. Genitori ed educatori di fronte alle nuove generazioni (edito dalla Erasmo di Franco Ferrucci, curatore della veste grafica, realizzato con la collaborazione redazionale di Serena Senesi, docente di Lettere). Il libro verrà introdotto dal dottor Fabio Franciosi.
Diversamente amore narra la storia di un amore difficile (fra un’operatrice e un ragazzo down) che porta la protagonista a chiedersi “perché i genitori insegnano ai figli che siamo tutti uguali? Perché? È ingiusto. Dovrebbero dirci fin da piccoli che siamo diversi, in ogni aspetto. Forse così ci accetteremmo”.
La sfida educativa. Genitori ed educatori di fronte alle nuove generazioni (che arriva dopo Genitori in ascolto, 2010 e Mettiti il giacchetto, 2012) riflette sul percorso di crescita dell’adolescente che si trova ad affrontare la difficile sfida del ricercare una propria dimensione all’interno di un corpo, un contesto familiare e sociale che non lo riconosce più e in cui non si riconosce.

Riproduzione riservata ©