Debutta il nuovo spettacolo della Mayor Von Frinzius. “Resistenti” finalista al festival “Il giullare” di Trani

Mediagallery

di Claudio Caprai

Il 26 e 27 maggio torneranno sul palco del Teatro Goldoni gli attori della Mayor Von Frinzius, la compagnia teatrale formata da 90 attori disabili, e non, diretta da Lamberto Giannini. Lo spettacolo “Resistenti – Vola pirata”, con la regia di Lamberto Giannini, Lucia Picchianti, Francesca Vivarelli, Claudia Mazzeranghe e Aurora Fontanelli è un viaggio alla ricerca dei diversi significati del termine resistenza, che viene messa in scena in ogni sua forma: fisica e mentale, buona e cattiva, banale e storica. Lo spettacolo comincia tra le mura di un immaginario manicomio e termina tra le mura di una casa. Nel mezzo si ha un percorso coinvolgente che trascina l’emotività del pubblico sul palco, mettendola a nudo e portandola ad un’introspezione personale. “Ognuno di noi – spiega Lamberto Giannini – ha avuto dei momenti memorabili in cui ha resistito ed è stato eroico. La resistenza deve essere un atto di tutti contro i pregiudizi e contro le differenze sociali che incontriamo ogni giorno. Questo spettacolo è la celebrazione di questo tipo di resistenza”.
Alla presentazione dello spettacolo è intervenuto il sindaco Filippo Nogarin che ha spiegato come questi eventi devono essere presenti nel salotto buono di ogni città, a prescindere dall’amministrazione vigente: “Neanche come sindaco si può essere impermeabili, queste iniziative devono sempre essere appoggiate e in questo caso la Mayor Von Frinzius permette ad ogni cittadino di osservarsi. Questo spettacolo ricorda la fisica quantistica, nella quale l’osservatore non può non essere parte dell’esperimento”. I
Sul palco, inoltre, molto presente la storia del ciclismo, grande passione di Giannini e per lui quasi una filosofia di vita. La dedica al “pirata” nel titolo si riferisce proprio a Pantani, ma non mancano i riferimenti alla società moderna, al modo di trattare i disabili, alla politica e alla storia: “Sarà uno spettacolo dionisiaco, ma con un ritmo veloce e televisivo, perché oggi anche la televisione e il cinema fanno parte della nostra cultura e il teatro deve muoversi, sul palco devono succedere tante cose e deve andare veloce”. “Resistenti” punta ad entrare nel cuore degli spettatori e se magari alcune scene non saranno immediatamente comprensibili, in altre ognuno sarà in grado di ritrovare una parte della propria vita.
Nel 2017 la compagnia Mayor Von Frinzius compierà 20 anni e vorrebbe diffondere lo spettacolo il più possibile, anche se una compagnia di 90 attori è difficile da gestire e portare in tutta Italia. Ciononostante ogni occasione è buona per provare a diffondere il messaggio: anche la recente esibizione di Milano ha riscosso un successo incredibile. Alla presentazione è intervenuto anche il presidente della Fondazione Teatrale Goldoni, Marco Leone, che ha invitato tutti a riflettere su quanto le cose date per scontate vadano immediatamente perse. “Tuttavia – ha aggiunto Leone -gli spettacoli della Mayor Von Frinzius non sono affatto scontati, per quanto frequenti, e offrono ogni volta un punto di vista diverso riuscendo sempre, dopo anni e anni, a coinvolgere ogni tipo di pubblico e di attori: “Il teatro aiuta a ridurre la distanza tra le persone”.
La rappresentazione, come detto, è in programma il 26 e 27 maggio al Goldoni. I biglietti sono acquistabili alla biglietteria o tramite il sito del teatro.

L’ennesimo riconoscimento – Proprio il giorno della vigilia della prima al Goldoni, la compagnia Mayor Von Frinzius di Livorno ha ottenuto l’ennesimo riconoscimento nazionale. Il nuovo spettacolo “Resistenti” è stato selezionato tra i finalisti dell’importante festival “Il giullare “di Trani che si terrà nella località pugliese tra il 17 e 24 luglio. La compagnia è stata selezionata da una giuria di esperti grazie alle immagini video di questo e dei precedenti spettacoli. Per la compagnia si tratta di una bellissima notizia che infonde energia nei giorni più importanti per il gruppo e che viene dopo aver ottenuto negli anni molti riconoscimenti nazionali ed internazionali: vincitori a Benevento nel 2011, Alba 2015, e dopo aver ricevuto il riconoscimento per l’integrazione teatrale in Polonia a Breslavia nel 2013.

Riproduzione riservata ©