Il cowboy direttore d’orchestra

Mediagallery

Il “Cowboy della stazione”, (al secolo Maurizio Donati) ormai noto personaggio di Livorno conosciuto per le sue strampalate richieste di matrimonio alle giovani ragazze nei dintorni di piazza Dante, si è fatto largo ieri sera, domenica 27 luglio, ad Effetto Venezia approfittando dello show musicale “Ora dirigi te..:” (clicca sul link in fondo all’articolo per vedere il video della sua performance). Lo spettacolo che è andato in scena sugli Scali Finocchietti, e voluto fortemente dal direttore artistico della kermesse Mario Menicagli, permette ad ogni passante di cimentarsi nella direzione di una vera e propria orchestra con tanto di bacchetta e spartiti. In questa occasione, il “Cowboy della stazione”, già noto per aver affiancato il sindaco Nogarin nella sua prima uscita ufficiale durante la presentazione della Giunta (clicca qui per leggere l’articolo), ha diretto per circa due minuti l’Orchestra giovanile Pisorno Sinfonietta del (vero) maestro Davide D’Alesio con il risultato che potete vedere nel video pubblicato qui in fondo alla pagina, tra risate e applausi.
Dopo di lui si sono cimentati altri passanti, tra cui un turista inglese che ha poi allietato il pubblico suonando il violino prestatogli da un’orchestrale, con risultati più o meno soddisfacenti. Alla fine il più bravo, un giovane musicista di tuba, si è aggiudicato la bacchetta del maestro D’Alesio, vero e proprio trofeo della serata intitolata “Ora dirigi te…” che il pubblico di Effetto Venezia potrà trovare nuovamente sugli Scali Finocchietti (proprio a due passi dall’ingresso dell’ex Circoscrzione 2) fino a sabato 2 agosto a partire dalle 21,30

Riproduzione riservata ©