Cinema da demolire? Livorno in campo

Mediagallery

Lo scorso weekend, a Roma, la solidarietà al “Cinema America” si è colorata di amaranto. La storica sala trasteverina, a rischio demolizione, è stata occupata circa due anni fa, dopo un decennio di abbandono, da un gruppo di giovani che hanno manifestato l’intenzione di salvarla e di riprendere l’attività di esercizio cinematografico. Nelle ultime settimane, oltre ad alcune proiezioni di classici del cinema, da registrare il sostegno di numerosi registi, autori e attori cinematografici. Mentre il ministro per i Beni Culturali Dario Franceschini annunciava la presenza di vincoli architettonici sulla struttura, la proprietà riusciva a ottenere lo sgombero. Tutto questo mentre stava prendendo forza l’idea di costituire un soggetto in grado di acquistare l’edificio restituendolo definitivamente alla fruizione da parte dei romani, trasteverini e non. I ragazzi non si sono persi d’animo e hanno deciso di proseguire la lotta in piazza, organizzandosi nel frattempo per creare simbolicamente un “Piccolo Cinema America” nei locali dell’ex-forno, situato accanto al cinema e ottenuto in comodato d’uso gratuito. Sabato 13 e domenica 14, in piazza San Cosimato, sono stati offerti alla cittadinanza i film “Noi 4” e “Ovosodo” dei registi livornesi Francesco Bruni e Paolo Virzì, che hanno partecipato alla proiezione delle loro opere esprimendo appoggio agli occupanti e alla loro volontà di evitare che un cinema storico venga demolito. Al pubblico accorso numeroso, i cineasti hanno anche rivolto l’invito a partecipare al gruppo che si sta costituendo, per proporsi come soggetto in grado di acquisire la sala.
Domenica sera, oltre a Paolo Virzì e Francesco Bruni, alla proiezione di “Ovosodo” hanno partecipato anche Carlo Virzì, all’epoca leader del gruppo musicale Snaporaz, gli attori Regina Orioli e Fabio Vannozzi e il videomaker livornese Marco Sisi, il cui “Livorno Superstar in videoclip” è stato proiettato al termine del lungometraggio, a ricordare che nella nostra città, oltre a “Ovosodo” e “La prima cosa bella” sono stati girati moltissimi altri film.
Il 19 settembre Niccolò Ammaniti presenterà “Io e te” con Francesca Marciano; nelle settimane seguenti sarà poi la volta di Marco Tullio Giordana con “Quando sei nato non puoi più nasconderti” e sono già confermate le partecipazioni di Paolo Sorrentino e Gabriele Salvatores.

Riproduzione riservata ©